Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel 327 83 46 575; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; CF: 97063940155; IBAN: IT13N0306909606100000004341 - Intesa San Paolo
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1751054
Visitatori di oggi 13/06/2024 : 0

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook

Varie

«La mia doppia vittoria: dopo l'alloro, i Mondiali»


da Il Giorno
- (9 ottobre 2022)

Francesco Cavallotto nella nazionale di calcio non vedenti MILANO La prima data è già cerchiata in rosso: il 18 ottobre Francesco Cavallotto, classe 2000, si laurea in Biotecnologie, all'università di Milano-Bicocca.

E sull'agenda del 2023 un altro traguardo lo attende: volerà a Birmingham per i Mondiali di calcio a 5 non vedenti.

é tra i pionieri del programma œDual Career - dedicato a chi pratica sport ad alto livello per conciliare impegni agonistici e studi - e pioniere pure sul campo, visto che è la prima volta che gli azzurri strappano il pass per i Mondiali.

Biotecnologie, calcio: quale passione è nata prima? «Quella calcistica.

Da quando ero piccolissimo volevo giocare a pallone.

Ho perso la vista a sei anni e mi avevano detto che fino ai 12 non avrei potuto farlo perchè c'erano squadre solo per adulti, non giovanili.

Continuavo a giocare con i miei amici al parchetto, a scuola.

Mio papà aveva creato una palla che rotolando faceva rumore.

E intanto praticavo altri sport: canottaggio, arti marziali, atletica, sci.

Appena ho potuto sono tornato alla mia prima passione e grazie ai miei genitori ho trovato la squadra».

Dove? «A Milano non c'era più, ho cominciato con la Liguria Calcio.

Fino al 2016 ho giocato lì , allenandomi nei weekend.

Nel 2016 è nata una squadra a Crema e mi sono avvicinato.

Sono stato in prestito un anno nelle Marche».

Ruolo? «Attaccante.

Ma giocando a cinque bisogna fare un po' di tutto».

Le soddisfazioni più grandi? «Ho vinto gli ultimi quattro campionati italiani, tre con il Crema e uno con Marche 2000.

Una Coppa Italia e due Super Coppe.

A giugno, a Pescara, ci siamo qualificati per la prima volta ai Mondiali».

Il sogno della vita? «Decisamente.

Rappresentare l'Italia nella competizione massima è un orgoglio, già agli Europei ero felicissimo.

é anche la prima volta nella storia dei non vedenti: sono ancora più onorato di far parte di questa impresa».

Nell'attesa, si va in rete con la laurea.

«Sì , in Biotecnologie.

L'ambito scientifico mi ha sempre appassionato molto, ho studiato al liceo Virgilio e ho scelto, l'ultimo giorno utile, Biotecnologie alla Bicocca.

Con senno di poi, la scelta giusta».

E dopo l'alloro? «Sono già immatricolato alla magistrale di Biotecnologie mediche».

Quanto è stato utile il programma 'dual career'? «Sono stato tra i primi 25 a partecipare, ero al terzo anno.

é utile per avere una certa flessibilità negli esami, quando i carichi di lavoro sono più intensi.

Un tutor aiuta a organizzare meglio impegni sportivi e universitari.

Anche al liceo tanti compagni abbandonavano lo sport.

Credo invece valga la pena poter continuare a fare quello che piace, nonostante gli sforzi.

Lo sport aiuta anche ad affrontare i propri limiti e a sentirsi parte del gruppo».

Si.Ba.

Indice articoli del 2022 Indice articoli di VARIE

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2024 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS