Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel 327 83 46 575; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; CF: 97063940155; IBAN: IT13N0306909606100000004341 - Intesa San Paolo
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1749996
Visitatori di oggi 27/10/2021 : 2

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook

Varie

Caironi, è caccia all'oro con Legnante e Sabatini


da Il Giorno
- (15 luglio 2021)

Atletica paralimpica, i convocati per Tokyo L'obiettivo è chiaro, tornare da Tokyo con tante medaglie al collo, possibilmente del metallo più prezioso.

E per farlo ci si affida ai migliori atleti, con la Lombardia pronta a fare la voce grossa.

Sono stati annunciati gli uomini e le donne che terranno alto il Tricolore italiano nell'atletica alle prossime Paralimpiadi di Tokyo 2020: dieci atleti, sei donne e quattro uomini, pronti a fare la voce grossa e far risplendere di gioia i propri volti.

Tra chi cerca una prima ribalta internazionale e chi, invece, si presenta con tanta voglia di rivalsa.

Oltre agli otto pass ottenuti di diritto dall'Italia, World Para Athletics ha assegnato altri due slot, uno femminile e uno maschile.

Dei 10 posti complessivi, lo staff tecnico nazionale si riserva di poter assegnare un ultimo posto entro la fine di luglio.

Per ora, comunque, la squadra è già di assoluto livello.

E presenta al suo interno ben tre primatiste mondiali: al fianco della napoletana Assunta Legnante (getto del peso) e della toscana Ambra Sabatini (100 metri piani) spicca la figura di Martina Caironi.

La 32enne campionessa di Alzano Lombardo, già vincitrice alle Paralimpiadi di due ori nei 100 metri piani (Londra 2012 e Rio 2016) e un argento nel salto in lungo (sempre nell'edizione brasiliana di cinque anni fa), vorrà cancellare quanto accaduto nel 2019, quando il 6 novembre risultò positiva a un test antidoping a sorpresa (la sostanza proibita rinvenuta fu un anabolizzante contenuto in una crema cicatrizzante che doveva utilizzare a causa di un'ulcera sulla parte finale del moncone).

I quattro mesi di sospensione furono per lei come un macigno, visto che la costrinsero a saltare i Mondiali di Dubai cui si preparava da anni.

Nel team azzurro figura anche Oney Tapia, 35enne cubano de L'Avana, atleta con alle spalle una storia incredibile: arrivato in Italia nel 2002 per giocare a baseball nell'Old Rags Lodi, inizia a praticare prima rugby e poi, quando nel 2011 viene colpito da un grosso ramo al capo e perde la vista, atletica con i Runners Bergamo.

Il passo verso l'Olimpo è immediato, con titoli italiani in successione e la medaglia d'argento nel disco alle Olimpiadi di Rio 2016.

Ci sarà curiosità per vedere quegli atleti saliti recentemente sul podio agli Europei di Bydgoszcz di giugno, tra i quali anche Arjola Dedaj, 31enne albanese di Tirana ma milanese, sportivamente parlando, dal 1998 (fa parte della società Non Vedenti Milano Onlus).

Medaglia d'argento nei 100 metri e bronzo nel salto in lungo nella rassegna continentale citata, per lei sarà la seconda olimpiade.

Cinque anni fa, all'ultima edizione delle Paralimpiadi a Rio, l'Italia aveva vinto sei medaglie (due ori, altrettanti argenti e bronzi) nell'atletica: «Questi atleti, di altissimo profilo, hanno dimostrato di possedere le carte in regola per competere per una medaglia», le parole del dt Vincenzo Duminuco.

Indice articoli del 2021 Indice articoli di VARIE

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2021 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS