Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747813
Visitatori di oggi 20/11/2017 : 1

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook

Varie

Da Caironi a Dedaj "Un podio nel mirino".

PARALIMPICI.


da Gazzetta dello Sport
di Claudio Arrigoni - (18 agosto 2014)

Una è fra le atlete più importanti nel panorama mondiale dello sport paralimpico. L'altra è esordiente con la maglia azzurra, ma già con tutti i fari puntati addosso.

La presenza lombarda agli Europei paralimpici di atletica (560 atleti provenienti da 37 nazioni, 13 in tutto gli azzurri), che prendono il via da oggi a Swansea, in Galles, è di quelle che pesano.

A cominciare da Martina Caironi, bergamasca amputata di gamba (cat. 42), campionessa mondiale in 100m e salto in lungo, per arrivare ad Arjola Dedaj, cieca (cat. 11), promessa azzurra, passando dal suo fidanzato, Emanuele di Marino, salernitano che si era trasferito a Milano per amore, anche lui esordiente in azzurro. E poi la guida di Arjola, Giulia Riva, di Muggiò, quarta agli Assoluti di Rovereto.

Che grinta "Voglio migliorarmi": questo l'obiettivo di Martina Caironi, che in Galles parte da favorita, ma con le molte insidie delle due tedesche battute lo scorso anno ai Mondiali di Lione, Vanessa Low (biamputata, vanta un 15"70 sui 100m) e Jana Schmidt (terza a Mondiali e Paralimpiadi).

"Nel lungo utilizzo da poco una nuova protesi, più rigida, l'ho anche provata poco in allenamento, ma vorrei migliorare il 4,32 dello scorso anno.

Parto comunque dietro alla Low, che a Glasgow ha saltato 4,55 m.

Nei 100, mi piacerebbe diventare la prima al mondo fra le amputate a scendere sotto i 15", o cercare di migliorare il mio record del mondo di 15"18.

Ma l'importante è fare una bella gara, senza sentire troppo la pressione".

Domani i 100m e giovedì il lungo, gara per la quale rimarrà in Gran Bretagna, perché domenica sarà protagonista sempre insieme alla Low a Birmingham, in occasione della Diamond League.

Poliedrica Arjola Dedaj ha una storia divisa fra più patrie.

Nata in Albania, è in Italia dal '98, da quando aveva 17 anni.

Cieca per la retinite pigmentosa, all'Istituto dei Ciechi ha conosciuto lo sport con il Gruppo Sportivo Non Vedenti.

Gioca a baseball con i Thunder's 5, una delle due squadre di Milano.

Adora il ballo: in coppia con Salvatore Ditaca è campionessa italiana di danze standard.

Fra il lavoro in una assicurazione e la scuola serale ha iniziato due anni fa anche l'atletica, insieme a quel grande allenatore che è Marco La Rosa, grazie al quale decine di atleti disabili hanno cominciato a fare sport.

"Corro per la H2 Dynamic, ora la mia guida è Giulia, con la quale c'è molta sintonia".

Non solo sprint, anche salto in lungo, come Martina.

"E' la mia gara preferita, ho un personale di 4,26 m".

Lo scorso anno era qualificata per i Mondiali, ma non aveva ancora la cittadinanza italiana, arrivata pochi mesi fa.

Con l'atletica ha trovato anche l'amore: ha infatti conosciuto Emanuele, studente di giurisprudenza a Napoli, proprio sulle piste, agli Assoluti di atletica di Ancona, lo scorso anno.

E ora vivono insieme a Milano.

Claudio Arrigoni

Indice articoli del 2014 Indice articoli di VARIE

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS