Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747814
Visitatori di oggi 21/11/2017 : 1

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook

Baseball

Le prove assurde sui falsi ciechi. C’è anche chi gioca a baseball


da Corriere
di Claudio Arrigoni - (20 aprile 2013)

A Milano lo chiamano il “Kennedy”.

E’ uno dei luoghi storici dello sport: chi va al “Kennedy” gioca a baseball e lo dice con l’orgoglio di chi sente di far parte di una minoranza di qualità.

Invito agli ispettori dell’Inps: domenica pomeriggio andate al Kennedy, mandate carabinieri e polizia, troverete pane per i vostri denti.

Pensate: ci saranno ciechi, o almeno così dicono di essere, che giocano a baseball.

Sì, proprio a quello sport dove bisogna colpire la pallina con una mazza e correre verso le basi oppure recuperare quella pallina e lanciarsela per eliminare chi corre.

Fate un bel po’ di foto, qualche video, un bel comunicato.

Lì si può fare una retata: falsi ciechi a gogo, mica come quelli che fanno la spesa, giocano a carte o usano facebook.

Quelli sono dilettanti.

Questi giocano a baseball e dicono addirittura che non ci vedono.

E’ una denuncia in piena regola.

Così li becchiamo sul fatto: niente pedinamenti, giornate a fotografare o fare video che impegnano decine di agenti, pagine e pagine di verbali con segnalazioni di attività come “cammina per strada sul marciapiede ed evita gli ostacoli” oppure “compra il giornale”.

Addirittura: una persona che dice di essere cieca e poi compra il giornale! Al Kennedy, pensate, correranno o si stenderanno sull’erba con il guantone per prendere una pallina.

E non lo fanno solo a Milano, ma anche a Bologna, dove anni fa hanno iniziato a giocare, o a Cagliari, o a Firenze, anche a Roma .

Insomma, sono decine: si possono fare le cose in grande, togliere un bel po’ di pensioni, orchestrare una bella campagna.

Sembra uno scherzo, ma le denunce all’Inps e alle forze dell’ordine per indicare e individuare quelli che ormai sono definiti solo come “falsi invalidi” o, in questo caso, “falsi ciechi” (e basta dai: le parole sono importanti, come è stato ribadito giovedì a Roma in un bel seminario di Redattore Sociale presentando il libro e il progetto “Parlare civile”), ma sono solo truffatori, sono anche peggio di questa.

Il problema è che vengono seguite e prese sul serio.

In questi giorni ci si è scatenati sui “falsi ciechi”.

Anche qui si va a ondate.

Ora tocca a chi ha una disabilità visiva.

E’ stato un tripudio di indicazioni assurde per provare che era impossibile che alcune persone non ci vedessero.

Si è letto che: giocano a carte, utilizzano facebook, fanno la spesa, prendono in braccio un bambino, evitano un passeggino per strada.

Si potrebbe andare avanti, basta cliccare su google “falsi ciechi” oppure leggere le riflessioni di tanti siti di informazione corretta ( Superando – ottimo il post “Basta informazioni “da brivido” sui “falsi ciechi” – o Superabile o disabili.com, tanto per fare esempi).

La Uici, l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, lo ha denunciato alcuni giorni fa, attraverso le parole del suo presidente, Tommaso Daniele.

“La nostra associazione da sempre contrasta e combatte le truffe perpetrate dai falsi invalidi.

Si sono rilevati, però, negli ultimi tempi, un atteggiamento e una tendenza soprattutto da parte dei media, a voler spettacolarizzare in modo eccessivo ed oltremodo spregiudicato le notizie legate a revoche di pensioni, o individuazioni di falsi invalidi, anche quando ancora le indagini e/o i processi non sono giunti al termine.

Troppo di frequente sta accadendo che si confondano i veri invalidi con i falsi.

Gli operatori della comunicazione e non solo, sembrano ignorare che i ciechi sono in grado di condurre una vita indipendente, leggere, telefonare, muoversi in autonomia, cucinare, salire e scendere le scale, utilizzare un computer e molto molto altro”.

A volte si confondono ciechi e ipovedenti.

“In considerazione poi dell’esito dei controlli effettuati dall’INPS che hanno evidenziato che i falsi invalidi sono decisamente una parte esigua e che non possono costituire un problema sociale, ci saremmo aspettati finalmente una trasmissione che riferisse sulle vere conseguenze dei controlli dell’INPS, sulla falsa credenza supportata dai media che la maggior parte degli invalidi siano falsi, sulle umiliazioni, sulle difficoltà, sulle perquisizioni, sul sequestro di ausili e in particolare sul fatto che tutti i ricorsi alla magistratura hanno confermato il riconoscimento dell’invalidità tolta, tolta per ignoranza o peggio per superficialità”: segnalano da Retina Italia, la Federazione delle Associazioni per la lotta alla Retinite Pigmentosa in una lettera alla Rai per invitare a una informazione corretta.

Non si affronta il problema della valutazione (qualcuno avrà pur valutato, no?): i truffatori spesso sono almeno due.

Ben venga chi vuole scoprire i truffatori, ma l’invito a cambiare atteggiamento è per tutti: l’Inps a non strumentalizzare, chi si occupa delle indagini ad avere persone preparate, i media ad approfondire senza spettacolarizzare, usando termini giusti.

Torniamo dunque alla denuncia.

L’appuntamento allora è per domenica al Kennedy (dalle 14. 00, indico anche l’ora così non si può sbagliare; però, dovesse piovere forte, la gara sarà rimandata: questi malandrini spiegano che la pioggia non permette loro di giocare nella giusta maniera): il derby delle squadre milanesi di baseball per ciechi, Thunder’s 5 contro Lampi.

Ps: Ah, ci sarò anche io, ma a fare il tifo e divertirmi.

Il baseball per ciechi è meraviglioso e l’abbiamo inventato in Italia.

Si gioca con una pallina sonorizzata, le basi sono sonore e non c’è lanciatore.

Ora ce lo vogliono copiare anche negli States: giocano anche là, ma a una versione che col baseball c’entra poco o nulla.

Pensate, credono ancora che ci giochi chi non vede.

Non ditelo agli ispettori dell’Inps, magari avvertono l’Fbi.

A Milano lo chiamano il “Kennedy”.

E’ uno dei luoghi storici dello sport: chi va al “Kennedy” gioca a baseball e lo dice con l’orgoglio di chi sente di far parte di una minoranza di qualità.

Invito agli ispettori dell’Inps: domenica pomeriggio andate al Kennedy, mandate carabinieri e polizia, troverete pane per i vostri denti.

Pensate: ci saranno ciechi, o almeno così dicono di essere, che giocano a baseball.

Sì, proprio a quello sport dove bisogna colpire la pallina con una mazza e correre verso le basi oppure recuperare quella pallina e lanciarsela per eliminare chi corre.

Fate un bel po’ di foto, qualche video, un bel comunicato.

Lì si può fare una retata: falsi ciechi a gogo, mica come quelli che fanno la spesa, giocano a carte o usano facebook.

Quelli sono dilettanti.

Questi giocano a baseball e dicono addirittura che non ci vedono.

E’ una denuncia in piena regola.

Così li becchiamo sul fatto: niente pedinamenti, giornate a fotografare o fare video che impegnano decine di agenti, pagine e pagine di verbali con segnalazioni di attività come “cammina per strada sul marciapiede ed evita gli ostacoli” oppure “compra il giornale”.

Addirittura: una persona che dice di essere cieca e poi compra il giornale! Al Kennedy, pensate, correranno o si stenderanno sull’erba con il guantone per prendere una pallina.

E non lo fanno solo a Milano, ma anche a Bologna, dove anni fa hanno iniziato a giocare, o a Cagliari, o a Firenze, anche a Roma .

Insomma, sono decine: si possono fare le cose in grande, togliere un bel po’ di pensioni, orchestrare una bella campagna.

Sembra uno scherzo, ma le denunce all’Inps e alle forze dell’ordine per indicare e individuare quelli che ormai sono definiti solo come “falsi invalidi” o, in questo caso, “falsi ciechi” (e basta dai: le parole sono importanti, come è stato ribadito giovedì a Roma in un bel seminario di Redattore Sociale presentando il libro e il progetto “Parlare civile”), ma sono solo truffatori, sono anche peggio di questa.

Il problema è che vengono seguite e prese sul serio.

In questi giorni ci si è scatenati sui “falsi ciechi”.

Anche qui si va a ondate.

Ora tocca a chi ha una disabilità visiva.

E’ stato un tripudio di indicazioni assurde per provare che era impossibile che alcune persone non ci vedessero.

Si è letto che: giocano a carte, utilizzano facebook, fanno la spesa, prendono in braccio un bambino, evitano un passeggino per strada.

Si potrebbe andare avanti, basta cliccare su google “falsi ciechi” oppure leggere le riflessioni di tanti siti di informazione corretta ( Superando – ottimo il post “Basta informazioni “da brivido” sui “falsi ciechi” – o Superabile o disabili.com, tanto per fare esempi).

La Uici, l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, lo ha denunciato alcuni giorni fa, attraverso le parole del suo presidente, Tommaso Daniele.

“La nostra associazione da sempre contrasta e combatte le truffe perpetrate dai falsi invalidi.

Si sono rilevati, però, negli ultimi tempi, un atteggiamento e una tendenza soprattutto da parte dei media, a voler spettacolarizzare in modo eccessivo ed oltremodo spregiudicato le notizie legate a revoche di pensioni, o individuazioni di falsi invalidi, anche quando ancora le indagini e/o i processi non sono giunti al termine.

Troppo di frequente sta accadendo che si confondano i veri invalidi con i falsi.

Gli operatori della comunicazione e non solo, sembrano ignorare che i ciechi sono in grado di condurre una vita indipendente, leggere, telefonare, muoversi in autonomia, cucinare, salire e scendere le scale, utilizzare un computer e molto molto altro”.

A volte si confondono ciechi e ipovedenti.

“In considerazione poi dell’esito dei controlli effettuati dall’INPS che hanno evidenziato che i falsi invalidi sono decisamente una parte esigua e che non possono costituire un problema sociale, ci saremmo aspettati finalmente una trasmissione che riferisse sulle vere conseguenze dei controlli dell’INPS, sulla falsa credenza supportata dai media che la maggior parte degli invalidi siano falsi, sulle umiliazioni, sulle difficoltà, sulle perquisizioni, sul sequestro di ausili e in particolare sul fatto che tutti i ricorsi alla magistratura hanno confermato il riconoscimento dell’invalidità tolta, tolta per ignoranza o peggio per superficialità”: segnalano da Retina Italia, la Federazione delle Associazioni per la lotta alla Retinite Pigmentosa in una lettera alla Rai per invitare a una informazione corretta.

Non si affronta il problema della valutazione (qualcuno avrà pur valutato, no?): i truffatori spesso sono almeno due.

Ben venga chi vuole scoprire i truffatori, ma l’invito a cambiare atteggiamento è per tutti: l’Inps a non strumentalizzare, chi si occupa delle indagini ad avere persone preparate, i media ad approfondire senza spettacolarizzare, usando termini giusti.

Torniamo dunque alla denuncia.

L’appuntamento allora è per domenica al Kennedy (dalle 14. 00, indico anche l’ora così non si può sbagliare; però, dovesse piovere forte, la gara sarà rimandata: questi malandrini spiegano che la pioggia non permette loro di giocare nella giusta maniera): il derby delle squadre milanesi di baseball per ciechi, Thunder’s 5 contro Lampi.

Ps: Ah, ci sarò anche io, ma a fare il tifo e divertirmi.

Il baseball per ciechi è meraviglioso e l’abbiamo inventato in Italia.

Si gioca con una pallina sonorizzata, le basi sono sonore e non c’è lanciatore.

Ora ce lo vogliono copiare anche negli States: giocano anche là, ma a una versione che col baseball c’entra poco o nulla.

Pensate, credono ancora che ci giochi chi non vede.

Non ditelo agli ispettori dell’Inps, magari avvertono l’Fbi.

Claudio Arrigoni

Indice articoli del 2013 Indice articoli di BASEBALL

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS