Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747817
Visitatori di oggi 24/11/2017 : 1

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook

Varie

Sport paralimpico, Michela Dei Cas promuove il nuovo progetto


da Gazzetta dello Sport
di Francesca Salsano - (5 aprile 2013)

Milano, 05 aprile 2013

La sandonatese Michela Dei Cas, membro dello staff tecnico della Nazionale paralimpica a Londra, porta avanti un progetto sportivo con ragazzi ciechi e ipovedenti (tra cui la campionessa italiana Antonella Inga) e ha sviluppato un progetto pilota che coinvolge disabili con ritardi mentali

È nato nel 2010 ed è tuttora attivo. Si tratta di un progetto nato grazie all'Associazione A.Ge.Ra.N.V.I in collaborazione con il G.S.Ciechi e Ipovedenti di Milano, ai cui ragazzi e ragazze viene data la possibilità di svolgere attività fisica e gareggiare. Nei progressi registratisi nel tempo, un ruolo di spicco lo ha avuto Michela Dei Cas, sandonatese laureata in Scienze Motorie e membro dello staff tecnico della Nazionale paralimpica a Londra 2012.

IL PROGETTO – “All’inizio il gruppo era di 10 adolescenti, un allenamento settimanale a Saronno. Perché l’atletica? È uno sport individuale e di squadra, che permette di conoscere il proprio fisico e l’autonomia del proprio corpo”. Il progetto, completo di figure di educatori professionali e istruttori di mobilità, oggi coinvolge 16 ragazzi: “Un successo – racconta Michela orgogliosa –, spronare ragazzi di questa età all’attività fisica non è semplice: alle gare si è in pochissimi”.

LA CAMPIONESSA – E pensare che motivandola all’agonismo e diventando la sua personal trainer, Michela è riuscita a tirare fuori dal gruppo una campionessa italiana: Antonella Inga, nata nel ‘95. “Aveva già fatto atletica, qualche automatismo lo aveva: l’abbiamo iscritta al gruppo sportivo Ciechi e Ipovedenti e nel 2011 ha vinto il titolo nazionale nei 100 e 200 metri. È iniziato tutto come gioco per loro e come sfida personale per me, sta andando alla grande”. elenco definizioni di 1 elementi fine elenco

SFIDA E LONDRA – La sfida poi si è estesa: nel 2012 Michela ha fatto gareggiare altri tre ragazzi (“Ogni gara è una scampagnata, i genitori che fanno foto, la giornata all’aperto, la soddisfazione delle medaglie... Indescrivibile!”), Antonella si è confermata campionessa italiana a Torino, in estate il gruppo ha persino trascorso una vacanza a Bormio. Infine la massima soddisfazione personale per Michela, arruolata come assistente tecnico nella Nazionale paralimpica per la spedizione di Londra: “Un’esperienza che lascia il segno, diventi psicologa, allenatrice, mamma: lì fai tutto”.

IDEE, FUTURO, OBIETTIVI – Dopo Londra Michela si è attivata per sviluppare un’attività sportiva anche a San Donato Milanese, con ragazzi che hanno disabilità mentale e non fisica. “È un Progetto Pilota, con l’ok dal Comune sto facendo dei test con tre ragazzi. L’ambizione è creare in futuro dei gruppi di lavoro con ragazzi di diverso livello di ritardo mentale”. Nel frattempo, Michela sorride dei primi successi del 2013 di Antonella Inga: nella sua prima gara, ai Campionati italiani paralimpici indoor del 23-24 marzo scorsi, la giovane atleta ha vinto l’oro nei 400 metri e si è migliorata sui 200m. “L’obiettivo era adattarsi alla curva indoor e provarla – commenta l’allenatrice Dei Cas –. Visti i risultati, mi aspetto un ulteriore exploit in estate”.

Francesca Salsano

Indice articoli del 2013 Indice articoli di VARIE

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS