Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747815
Visitatori di oggi 22/11/2017 : 0

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook

Canottaggio

LA NUOVA GENERAZIONE ADAPTIVE


da Canottaggio.Org
- (18 novembre 2012)

L’unica mattinata grigia e piovosa delle Paralimpiadi è stata quella delle finali dell’adaptive rowing.

Eppure l’entusiasmo e la determinazione degli azzurri del doppio e del quattro con hanno saputo illuminare una giornata inseguita con passione e sacrifici per quattro anni.

Nelle Paralimpiadi definite “del ritorno a casa” visto che l’attività sportiva per persone con disabilità ebbe inizio dopo la seconda guerra mondiale per merito del Dott.

Ludwig Guttman nell’Ospedale di Stoke Mandeville, cittadina ad una cinquantina di km da Londra, il canottaggio adattato italiano ha di fatto dato un chiaro segno di vitalità che può far sognare un ritorno al ruolo di protagonista recitato nel 2008 a Pechino.

A Londra non è arrivato nessun singolo.

Presenti invece il doppio, composto dal confermato Daniele Stefanoni e dalla novità Silvia De Maria al posto di Stefania Toscano, insieme al rinnovato quattro con dell’unico superstite, rispetto a Pechino, il timoniere Alessandro Franzetti.

Dal bacino artificiale di Eton Dorney sono emersi un sesto e un quinto posto da incorniciare per più di un motivo.

Il più importante riguarda l’età degli atleti.

Se è vero che la coppia Stefanoni/ De Maria potrebbe essere arrivata al capolinea, il quattro con ha invece dimezzato l’età media passando dai 44 anni di Pechino (Agoletto, Protopapa, Saccocci, Signore) ai 22 di Londra (Marcaccini, Trombetta, Di Battista, Calderoni).

Il motto delle Paralimpiaidi londinesi era “Inspire a generation”, ispirare le generazioni.

Il pubblico di oltre 2.000.000 di persone e i miliardi di telespettatori di ogni parte del mondo di ispirazioni ed emozioni ne hanno ricevute a getto continuo.

La magia di un villaggio mai così popolato nella storia con i suoi 4200 atleti provenienti da 166 Paesi.

Migliaia di giornalisti e fotografi accreditati con l’Italia unica al mondo ad avere due televisioni in possesso dei diritti (Sky e RAI).

Impossibile non essere d’accordo con il “regista” del Comitato Organizzatore Sebastian Coe quando nel suo discorso conclusivo ha dichiarato: “Da questa edizione delle Paralimpiadi nulla sarà più uguale a prima.

Nessuno potrà più guardare questi atleti e queste gare in modo diverso da ciò che sono: atleti e gare”.

Il motto di Rio de Janeiro 2016 è “rumo ao topo”, verso l’alto.

L’Italia paralimpica metta in archivio le sue fantastiche 28 medaglie londinesi e si prepari con determinazione a spiccare il volo senza lasciare a terra nessuno: informazione, promozione e attività di base.

Indice articoli del 2012 Indice articoli di CANOTTAGGIO

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS