Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747814
Visitatori di oggi 21/11/2017 : 1

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook

Varie

gara di scherma a Verona


da Ordine e Libertà
di Marina Rosti - (16 novembre 2012)

Giuseppe Rizzi, abbiatense non vedente, il giornale ha già parlato.

Da sempre in lotta contro ogni forma di discriminazione e attento a promuovere i diritti delle persone disabili, oggi Rizzi ci offre una nuovo spunto per parlare di handicap, ma anche di opportunità e vittorie.

Entrato a far parte lo scorso anno della squadra milanese di scherma per non vedenti, Rizzi domenica 11 novembre ha partecipato ad una gara, organizzata al palazzetto dello sport a Zevio in provincia di Verona, ed ha conquistato il quarto posto.

Una bella sfida e non solo dal punto di vista sportivo.

“La gara che si è disputata domenica 11 novembre – spiega Rizzi – tecnicamente è stata molto simile a quella che lo scorso 27 maggio mi aveva visto salire in pedana a Bologna.

Come allora si è trattato infatti di una gara non ufficiale e questo perchè al momento non esiste un regolamento scritto dedicato alla disciplina e non siamo ancora stati inseriti come scherma per non vedenti nella sezione paralimpica.

Mi è stato detto che quello da poco iniziato sarà ancora un anno transitorio ma dovremmo diventare sport ufficiale la prossima stagione agonistica”.

Ma torniamo alla gara.

Com’è andata e quanti atleti hanno partecipato? “Quella della scorsa domenica è stata una sfida che ha richiamato gli atleti nel centro-nord Italia, più precisamente abbiamo partecipato noi, della scuola della sala Lodetti di Milano e gli atleti della scuola di Bologna.

Io mi sono piazzato al quarto posto (su sei), speravo di fare meglio, ma questa volta è andata così e sono contento.

Come già precisato il regolamento è rimasto lo stesso della scorsa stagione.

Abbiamo gareggiato su una pedana di 8,30 metri dotata di barra metallica al centro per permetterci di sentire la mezzeria e non uscire così dalla pedana stessa.

Sono stati inoltre studiati dei segnalatori acustici differenziati che ci permettono di capire quando si colpisce o si viene colpiti”.

La sua avventura con la scherma è iniziata nel 2011.

A distanza di un anno cosa può dirci in merito all’importanza dello sport nella vita di una persona affetta da disabilità? “Lo sport è importante per tutti, praticarlo, per i disabili, significa a mio avviso vivere momenti di reale integrazione.

Noi ci alleniamo insieme ad atleti normodotati, a differenza degli altri sport spesso praticati in contesti separati.

Quelli per non vedenti, è bene precisarlo, devono rispettare alcune caratteristiche: è infatti fondamentale il silenzio per permettere all’atleta di svolgere la disciplina in sicurezza.

A volte questo risulta difficile in uno sport come la scherma, ecco perché è più che mai necessario stabilire un regolamento che ci permetta di allenarci senza correre rischi ed inconvenienti.

Al momento continuo ad allenarmi nella palestra della caserma di Corso Italia a Milano.

Facciamo parte del gruppo degli schermidori, quindi a volte gli altri atleti si bendano e tirano con noi.

Considero questa – conclude Rizzi - è una bella opportunità, un’occasione in più per abbattere differenze e limiti che a volte la società sembra voler imporre”.

Marina Rosti

Indice articoli del 2012 Indice articoli di VARIE

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS