Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747817
Visitatori di oggi 24/11/2017 : 1

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook

Varie

Cecilia, la terza medaglia


da La Tribuna di Treviso
- (3 settembre 2012)

Paralimpiadi: dopo i due ori, un bronzo per la Camellini. Pezzuto d'argento

Nuove soddisfazioni azzurre alle Paralimpiadi di Londra. Ieri sono arrivate la quinta e la sesta medaglia per l'Italia: l'argento nel tennistavolo e il bronzo nel nuoto femminile targato ancora Cecilia Camellini. E così dopo il nuoto (i due ori e il nuovo bronzo della Camellini e l'altro bronzo di Federico Morlacchi) e l'atletica (con l'argento di Oxana Corso) anche il tennistavolo ha regalato un podio. Pamela Pezzutto di Sacile ha vinto la medaglia d'argento nel singolare femminile di tennistavolo classe 1-2 cedendo solo in finale alla cinese Jing Liu. L'azzurra, campionessa d'Europa e già vice-campionessa olimpica e mondiale, si è arresa in tre set, con i parziali di 11-8, 11-8, 11-5. Nel nuoto la mattinata era iniziata con le batterie di qualificazione per quattro italiani. La campionessa ventiduenne Camellini aveva ottenuto la terza finale di questi giochi londinesi nei 100 dorso con il tempo di l'25"63. Poi in serata la nuova impresa: la 20enne di Modena si piazza terza nella finale nuotando in l'19"91. La gara è stata vinta dalla giapponese Rina Akiyama in 1:19"50, l'argento è andato all'australia-

Fra gli altri azzurri in gara ha firmato il nuovo record italiano il diciannovenne di Busto Arsizio Fabrizio Sottile (Fiamme Gialle) nei 100 delfino classe S12 con l'03"97 (record precedente l'04"61) classificandosi all'11 posto. Nono posto per Nicolò Bensi (CC Aniene) nei 150 misti classe Sm4 con 3'04"41. Immacolata Cerasuolo (Nuotatori Campani) con 34"53 nei 50 stile libero classe S8 stabilisce il nuovo record italiano e si classifica al 14° posto. Passando al canottaggio, l'Italia del remo le Paralimpiadi con il quinto posto dei 4 Con (Mahila Di Battista, Andrea Marcaccini, Pierre Calderoni, Florinda Trombetta, timoniere Alessandro Franzetti) ed il sesto del doppio (Daniele Stefanoni, Silvia De Maria). In queste specialità, sono la Gran Bretagna e la Cina a conquistare la medaglia d'oro ed a far festa nelle acque del Dorney Lake, sotto la pioggia e assieme alla Duchessa di Cambridge Kate Middleton, presentatasi ad assistere alle finali del remo vestita con la tuta della squadra paralimpica britannica per fare il tifo. «Mi aspettavo una gara così tirata, siamo partiti con la giusta cattiveria e concentrazione - dice l'azzurro Stefanoni -. Eravamo strafelici di esser entrati in finale ma conoscevamo bene il valore dei nostri avversari: ci abbiamo provato in tutti i modi, ma purtroppo non siamo riusciti a esser incisivi nella seconda parte della finale». Florinda Trombetta, atleta milanese non vedente, ha ricoperto il delicato ruolo di capovoga nella sua prima Paralimpiade. Ad applaudirla il fidanzato Francesco Cusati, campione di baseball che, come Florinda, da non vedente ha saputo convivere con il proprio limite attraverso la passione per lo sport. E subito dopo l'argento di Pamela Pezzutto nel tennistavolo, è arrivata la telefonata del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, a Pancalli, presidente del Cip. Napolitano ha dato appuntamento alle atlete e agli atleti paralimpici al Quirinale per la riconsegna della bandiera italiana.

Indice articoli del 2012 Indice articoli di VARIE

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS