Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747816
Visitatori di oggi 24/11/2017 : 0

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook

Varie

L'IRONMAN OLTREIl BUIO


da Gazzetta dello Sport
- (30 maggio 2012)

ALBERTO CERIANI, EX CALCIATORE, È DIVENTATO OGGI IL PRIMO NON VEDENTE A FINIRE IL CELEBRE TRIATHLON DELLE HAWAII. GRAZIE A UNA GUIDA SPECIALE...

Quelli che fanno l’Ironman li chiamano pazzi. Perché in fondo lo sono: 3800 a nuoto nell’oceano, 180 chilometri in bici e, per finire, una maratona. Fra questi pazzi c’è Alberto. Con una particolarità: è cieco. E quindi si fa accompagnare da un altro matto, Claudio, che ci vede.

Milanese, quarant’anni superati, Alberto Ceriani è stata la prima persona non vedente della storia a concludere l’Ironman di Kona, nelle Hawaii, il più difficile e duro. Insieme a Claudio Pellegri, comasco più che cinquantenne, nonno, atleta come pochi, guida nello sport per non vedenti in sci, corsa, nuoto e chissà quanto altro ancora, se si potesse. Alberto e Claudio usano il tandem per le prove di ciclismo, nuotano e corrono collegati con una corda. Ci è riuscito nel 2006. E non ha smesso. Ad aprile, ai Mondiali di Eilat, in Israele, è giunto quinto, a quelli precedenti ha fatto ancora meglio: medaglia d'oro a Lisbona 2008 e di bronzo a Pontevedra 2011. “Ora che il triathlon è diventato sport paralimpico, punto a Rio 2016”.

Sul traguardo di Kona, la mente è corsa a quando era piccolo, la scuola, gli amici, le gare di nuoto e il judo. E al campo di calcio, quello della storica Macallesi, in viale Ungheria, a Milano. Era arrivato a giocare in Promozione. Poi il lavoro come disegnatore termotecnico, gli amici, quelli dell’oratorio, alla Chiesa Rossa, e quella ragazza carina, Anna, oggi donna, moglie e mamma di due splendidi figli.

Alberto ha ripensato a quella sera del 1995. Aveva 26 anni, stava guidando verso casa, si accorse di non vedere bene da un occhio. Alcuni mesi fra medici, ospedali: sindrome di Leber, una malattia rara e non curabile, che comporta l’atrofizzazione del nervo ottico. Pochi mesi e il buio. Aveva 27 anni. “Sono ingrassato decine di chili, tra frustrazione e speranza di un miracolo. Poi capisci che non hai scelta. Ho imparato a muovermi, leggere il braille, trovare un nuovo lavoro da centralinista. Ho ricominciato a vivere”. Grazie a Anna e ai bimbi che sono arrivati. Anche grazie allo sport.

“Mi avevano dato del cortisone, dovevo riprendere la forma, ho iniziato a correre.” Con incontri che cambiano la vita: “Quello con Mike, prima, e con Claudio, poi”. Mike è Michele Pavan, ideatore di www.disabilincorsa.com, sito che mette in contatto atleti disabili, specie non vedenti, con atleti normodotati che possono fare da guide. Claudio fa il commercialista a Como, ha due cavalli a Capiago Intimiano, è pazzo per il triathlon e la pazzia è contagiosa. E faticosa: allenamenti di due ore al giorno durante la settimana, cinque ore il sabato, sei la domenica. Tutto tempo ritagliato al lavoro e alla famiglia. “A casa sta poco, e ci vediamo meno, ma sono contenta per lui”: Anna non si fa un cruccio delle assenze. Come sempre, dietro un grande uomo c’è una grande donna.

Indice articoli del 2012 Indice articoli di VARIE

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS