Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747816
Visitatori di oggi 24/11/2017 : 0

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook

Varie

campionati nazionali di ballo per ipovedenti


da Il Giorno
di Michele Azzimonti - (12 aprile 2010)

- ABBIATEGRASSO - DI MATTINA guida le scolaresche in visita a una mostra. Il pomeriggio indossa maglia e tuta e si allena sui campi da baseball. La sera, dopo una doccia veloce e po’ di trucco, si scatena sulla pista da ballo in un languido latino-americano o in un romantico valzer viennese.

 

È intensa la vita di Arjola Dedaj. Ma a rendere ancora più eccezionale la sua vitalità è che Arjola è una giovane ipovedente. Fin dalla nascita Arjola soffre di un grave difetto visivo: non distingue i contorni delle cose e per lei il mondo è una tavolozza fatta di macchie colorate che si muovono in continuazione.

«Le persone le vedo solo così - racconta Arjola -, ma questo difetto non mi ha impedito di vivere come tutte le persone normali. Lavoro all’Istituto dei ciechi di Milano e faccio dello sport. Ma soprattutto mi piace ballare».

DANZA come passatempo? Per niente. A 28 anni Arjola, che è di origini albanesi ma vive ormai da 12 anni ad Abbiategrasso, si accinge a una grande sfida:

«A maggio parteciperò ai campionati nazionali di ballo per ipovedenti, che si svolgeranno a Rimini. Sarò l’unica ballerina a rappresentare la Lombardia». Il vestito è pronto, uno sgargiante abito da ballo dalle tonalità rosse.

Arjola scenderà in pista con il ballerino Salvatore Vitacca, 18 anni, e sarà lui, vedente, a guidarla negli impegnativi passi di danza previsti dal programma di gara. «Ci esibiremo in cinque danze standard - spiega Arjola -. Valzer viennese, valzer inglese, tango, slow fox e quick step. Sarà una gara impegnativa. Perciò mi sto allenando intensamente per prepararmi bene.

Il mio campo di allenamento è la scuola International Dance Team diretta da due campioni mondiali di danza, Magda Merelli e Fabio Pilon. È a Fabio che è venuta l’idea di far partecipare la sua scuola ai campionati nazionali per ipovedenti. Lui cercava una ballerina già esperta. Io mi sono fatta avanti, e insieme parteciperemo a questa bella avventura».

Arjola si allena ormai da un anno, per 6 ore la settimana: 3 nella sede di Pioltello e altre 3 in quella di Carnate. Ad accompagnarla, sempre e ovunque, c’è il fratello Elton, 25 anni:

«È lui il tassista», dicendo ridendo Arjola.

La sfida non si presenta facile per la ballerina abbiatense. Arjola arriva dal ballo latino-americano, che pratica ormai da 9 anni. Ora si tratta di muoversi secondo le cadenze e i passi del ballo classico. E soprattutto a danzare davanti al pubblico. Ma Arjola non si spaventa:

«Lo scorso 7 marzo ho partecipato ai campionati regionali della Lombardia. Era solo un’esibizione, ma ero emozionatissima. In tribuna c’erano tremila persone. E quando alla fine è scoppiato l’applauso, mi sono sentita come liberata».

Ma c’è un altro appuntamento che attende Arjola: «Il 18 aprile inizia il campionato di baseball per ipovedenti. Ci sarò anch’io con la mia squadra, la Tunders Fine. Lo so che potrei prendermi una storta alla caviglia. E infatti Fabio, il mio maestro di danza, è sempre in ansia. Ma io non ho paura. È un consiglio per tutti quelli che vivono nelle mie condizioni: fare un’attività sportiva aiuta ad avere fiducia in se stessi».

Michele Azzimonti

Indice articoli del 2010 Indice articoli di VARIE

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS