Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747818
Visitatori di oggi 25/11/2017 : 1

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook


Quando il limite è una sfida lanciata


Da Il Cittadino Di Lodi - (2 agosto 2008)

CORNEGLIANO LAUDENSE

Cristiano Tedoldi è un lodigiano che si è laureato campione italiano di baseball con la squadra di Milano dei "Thunder's five".

La competizione è particolare perché le squadre che partecipano al torneo, rappresentative delle città di Bologna, Ravenna, Empoli, Firenze e Milano, e nelle quali militano sia maschi che femmine, hanno fra i loro giocatori atleti non vedenti. Si tratta dunque di un campionato particolare, in cui le regole sono quelle generali del baseball, la tensione agonistica è assolutamente identica a quella dei match tradizionali, ma occorre solo una piccola accortezza: limitare il tifo, perché il non vedente deve sentire in modo nitido il suono della pallina volante e orientare la propria corsa seguendo i segnali acustici provocati dagli allenatori con apposite palette. Il neo campione tricolore Cristiano Tedoldi ha 39 anni e vive a Cornegliano Laudense, lavora all'Inps ed è un single impenitente («Sì, ma alla vecchia maniera, non come quelli di oggi: sto solo aspettando di trovare quella giusta. Come maturità mi sento pronto al grande passo, sì, il matrimonio, ma finché non trovo l'anima gemella... mi diverto»). Tedoldi è un uomo abituato a dire quello che pensa e con molto garbo promuove un appello ai disabili che si rinchiudono in casa e non accettano di lanciare una sfida, innanzitutto a se stessi, e poi a chi crede che nella società le diversità, una volta sorte, devono avere il crisma della perennità.

«Lo sport aiuta a migliorare e a costruire nuove relazioni: l'isolamento è brutto per tutti» accettare e cercare di condurre esistenze normali senza precludersi proprio nulla». buoni? «Ottimi. Loro devono essere anche più concentrati di noi; in partita è facile che avvenga qualche screzio, subito superato a fine match. D'altra parte gli allenatori sono cinque e ciascuno di loro dice la propria: alla fine il giocatore deve sentire soltanto se stesso, la propria coscienza, le proprie convinzioni. Questo modo di misurarsi con se stessi diventa allora esaltante».

È vero che le partire si giocano anche in città che non hanno formazioni che partecipano al torneo? «Sì, questo accade veramente. Ma c'è una ragione: giochiamo in luoghi differenti per fare in modo che lo sport per i disabili sia conosciuto da più gente possibile: un modo per proporsi e per stimolare qualunque portatore di handicap a riflettere sulle proposte che lo sport offre». Vi aiuta l'Unione italiana ciechi? «Abbiamo un profondo legame con questo ente, ma credo che la società sportiva sia autosufficiente: Anche a noi occorrerebbe uno sponsor». I Thunder's five sono di Milano: «Altro che! Io vorrei sapere quanti sono effettivamente i non vedenti, totali, parziali, ipovedenti, nel Lodigiano. Mi piacerebbe conoscere se c'è ancora qualcuno che si definisce cieco e in quanto tale impossibilitato a fare qualunque cosa. Posso assicurare che lo sport aiuta a migliorare se stessi, a superare i propri limiti, a emanciparsi e a costruire nuove relazioni. L'isolamento è brutto per tutti, sani e meno sani ma i limiti fisici possono essere superati, prima accettandoli e poi cercando di colmarli, senza precludersi nulla». Nel tuo essere non vedente in cosa ti ha aiutato lo sport? «Nei movimenti; come nell'avere più sicurezza in me stesso; nei miei comportamenti fisici, perché ho acquisito una maggiore autonomia, una disinvoltura che magari prima non avevo. Ho visto persone che non sapevano correre, avevano problemi seri di orientamento: grazie all'attività fisica hanno imparato a correre e ne hanno tratto giovamento nella postura». Prima sciavo, sempre con il gruppo sportivo non vedenti Milano. Mi hanno fatto la proposta di allenarmi con loro. All'inizio ero perplesso, ma l'accoglienza e l'interesse per il gioco del baseball mi hanno fatto subito superare le inìziali titubanze».

Le regole del "gioco sono diverse rispetto a quelle tradizionali? «( Guarda, si batte, si corre e si difende, come nel gioco tradizionale, quello conosciuto da tutti. Poi ci sono, lè basi sonore. In seconda e in terza base devono starci i vedenti: sono loro a battere le palette per farci orientare, quando corriamo. Da terza base a casa base corriamo da soli: dritti. Dobbiamo essere bravi, come non vedenti, a sviluppare le abilità personali, per arrivare alla meta». Difficile? «No, ma ci vuole molto allenamento: per chi non vede, correre mantenendosi dritti non è semplicissimo. Ma poi s'impara. Cresce anche l'autostima, ed è molto positivo». Dove vi allenate? "Al centro sportivo Saini, una struttura all'avanguardia. Io sono l'unico lodigiano, poi ci sono atleti che vengono da Brescia, da Bergamo, da Abbiategrasso, e quattro sono i milanesi doc».

Anche nei Thunder's five vi sono donne? «Sì, sono tre le giocatrici non vedenti: sono molto brave e tra noi c'è un rapporto forte, siamo una vera squadra». Non è che proprio nello sport trovi la famosa anima gemella? «C'è tempo, c'è tempo...».

Indice articoli del 2008 Indice articoli di VARIE

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS