Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747815
Visitatori di oggi 22/11/2017 : 0

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook


Homerus 2007 - Da Salò alla Sicilia


Da Il Giornale Di Brescia - (16 novembre 2007)

Si è tenuto a Mondello il campionato di vela per non vedenti con la formula gardesana SALÒ.

Oran Almog è un ragazzo israeliano di 16 anni, rimasto cieco all'età di otto anni, dopo un attentato di un kamikaze palestinese, e dove ha perso tutti gli altri componenti della sua famiglia. E la neozelandese Paulien Eitjes, 21 anni, non vedente dalla nascita, rimasta con una sola gamba a seguito di un incidente.

Sono solo due delle tante storie che hanno «veleggiato» sulle acque del golfo di Mondello, in Sicilia, dove, nei giorni scorsi, si è disputato il Campionato Internazionale di vela per non vedenti con la «formula» gardesana di Homerus.

Il navigare di un equipaggio tutto di ciechi con il solo aiuto di alcune strumentazioni, delle boe sonore e, ovviamente, la grande sensibilità di captare il soffio del vento, nato 12 anni fa nelle sale del Circolo Vela Gargnano grazie allo skipper madernese Rino Gaoso.

In gara a Mondello si sono presentati velisti provenienti da Israele, Australia, Spagna, Svizzera, Nuova Zelanda e Italia. E Paulien Eitjes, la velista «Kiwi», con la milanese Filippa Tolaro, alla fine ha vinto questa serie di regate battendo il Team tutto italiano composto dal bresciano Gigi Bertanza (di Gussago) e da Elisabetta Bardella.

La finale del terzo e quarto posto ha visto prevalere gli israeliani Israele Eitam e Oran Almog sugli spagnoli Roser Hurtado e Federico Giner. L'«Homerus International 2007», promosso dalla società Velaevento della famiglia Pasotti di Salò, ha goduto dell'alto patrocinio del presidente della Repubblica, del Segretariato sociale della Rai, ed ha avuto la collaborazione dell'Unione Italiana, il tutto negli spazi della Canottieri Roggero di Lauria, il prestigioso Club velico che ha la sua sede lungo la spiaggia palermitana di Mondello e che, proprio recentemente, ha annunciato la sua presenza alla prossima America's Cup.

L'evento si era aperto con un collegamento in video conferenza, curato da Paolo Cecinelli, la voce di «La 7» in Coppa America, con il Palacongressi di Riva del Garda dove era in corso il Forum su «Psichiatria e barca a vela, quale connubio? nel quadro dell'11ª edizione di «Navigando nel grande mare della solidarietà», meeting nazionale dedicato alla vela-terapia.

(s.pell.)

Indice articoli del 2007 Indice articoli di VARIE

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS