Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747817
Visitatori di oggi 25/11/2017 : 0

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook


SUL LAGO di Varese due importanti avvenimenti remieri


di Ferruccio Calegari - (26 giugno 2007)

- VARESE - SUL LAGO di Varese due importanti avvenimenti remieri: nella classica conca della Schiranna ieri si è svolta la regata per giovanissimi, intesa a classificare i partecipanti al prossimo Festival nazionale dei Giovani, con Canottieri Gavirate al vertice, seguita da Varese e Luino.

E proprio a Gavirate, all’altro capo del lago, si è concluso ieri il secondo raduno nazionale per atleti disabili, che nella terminologia internazionale partecipano all’adaptive rowing. E se sino a qualche anno fa l’organizzazione remiera italiana accettava il settore, non si può dire che lo incoraggiasse troppo.

Ma da quando lo scorso anno ai mondiali di Eton la squadra azzurra ottenne tre brillanti piazzamenti in finale, l’attenzione è mutata. Anche in relazione all’ammissione del canottaggio nel programma paralimpico.

Paola Grizzetti, olimpionica a Los Angeles nel 1984, entusiasta vestale del settore, dalla Federazione canottaggio ha ricevuto l’investitura tecnica e ne valorizza l’impegno presso la sede della Canottieri Gavirate.

«È un settore in crescita – sottolinea –. Siamo passati dalle due società con una ventina di atleti dello scorso anno, a 17 società con 75 atleti. Spero proprio che questa maggiore attenzione consenta anche un miglioramento oltre che fisico anche psicologico».

Cosa avete fatto in questi giorni? «Anche con la collaborazione di Piero Poli, medico specialista e campione olimpico nel quattro di coppia a Seoul, abbiamo sviluppato una serie di test su atleti provenienti da Aniene, Monate, Flora, Varese, Gavirate, Milano e Ospedalieri Treviso. Posso dire di avere constatato delle buone situazioni, in particolare nel singolo maschile con Simone Miramonti (Aniene) e singolo femminile con Agnese Moro (Ospedalieri Treviso). Ma anche nel doppio abbiamo apprezzato l’ottimo abbinamento di Stefania Toscano (Milano) con Daniele Stefanoni (Gavirate)».

Formazioni miste? «Nel regolamento internazionale è prevista la formazione di equipaggi maschili-femminili».

Ed anche elementi in evidenza ai recenti campionati italiani...

«Certamente. Ma in questa occasione, pur felici della crescita del settore, si è accresciuto anche l’imbarazzo selettivo per il quattro con timoniere, dove all’equipaggio campione d’Italia di Graziana Saccocci, Angelo Bolis, Michele Frosi, Gaetano Marchetto, tim. Alessandro Franzetti, vengono a contrapporsi altre realtà. E per un migliore risultato, con la collaborazione dei tecnici specialisti Giovanni Calabrese e Renzo Sambo, entrambi con un ricco passato olimpico, abbiamo testato i vari elementi. Una valutazione definitiva, per i prossimi mondiali, sarà effettuata nel ritiro che organizzeremo sempre a Gavirate dal 10 al 15 luglio».

L’attività non è limitata soltanto ai diversamente abili fisici? «Il regolamento internazionale prevede che nel quattro con timoniere possano essere immessi anche ragazzi con problemi di disabilità mentale, ed in questo senso proprio a Gavirate stiamo collaborando con un istituto della zona. A Milano la Canottieri Olona ha aperto altre iniziative con dei ragazzi autistici, tutti tra i 14 e 20 anni, con ottimi risultati iniziali».

Indice articoli del 2007 Indice articoli di CANOTTAGGIO

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS