Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747816
Visitatori di oggi 22/11/2017 : 1

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook


Gli angeli premiano i campioni: «Esempi per tutti»


Da Redazione - (25 gennaio 2007)

Premiare modelli positivi di comportamento: con questa prospettiva Mario Furlan, fondatore dei City Angels, ha creato sei anni fa il premio «Il Campione».

Un riconoscimento rivolto a chi, nell’arco dell’anno, si è distinto e ha portato avanti progetti per la comunità: «Per essere campioni - ha affermato Furlan - non basta diventare protagonisti dei mezzi di informazione, bisogna influenzare l’opinione pubblica».

Quest’anno le statuine - che rappresentano un uomo con un grande cuore in mano - sono state consegnate a 12 prescelti per altrettante categorie. Da Vito Noto, il gerontologo che ha creato la rock band di ultraottantenni «Vito & gli Eneas» - premiato dall’assessore alla Cultura Vittorio Sgarbi - a Silvia Parente, «campione per lo Sport» e due volte medaglia di bronzo nello sci alle Paraolimpiadi; dal «campione per la Comunicazione» Emilio Pozzi, giornalista che insegna italiano a San Vittore, a Rodolfo Masto dell’Istituto dei ciechi. Fra i premiati il direttore d’orchestra Daniel Barenboim, che ha dato vita ad una orchestra israelo-palestinese, e Paolo Zegna presidente del gruppo Ermenegildo Zegna che ha creato, nel biellese, un’Oasi per la valorizzare l’area montana.

«Campione per il volontariato» è Lamberto Bertolè, fondatore di Arimo, comunità per ragazzi difficili: «Ci proponiamo come alternativa al carcere minorile - ha detto Bertolè - perché non permette un recupero e due ragazzi su tre che vi vengono rinchiusi finiscono per ritornarci. Bello sarebbe se il Beccaria non esistesse più».

Patrocinavano l’evento Daniela Javarone, presidente di Amici della lirica, e il filosofo Stefano Zecchi. La giuria era composta dai direttori di 11 quotidiani italiani: fra questi, Maurizio Belpietro de Il Giornale, Ferruccio De Bortoli de Il Sole 24 Ore, Paolo Mieli del Corriere della Sera e Vittorio Feltri di Libero.

Quest’anno anche tre premi speciali: uno al giovane down Alessandro Trevisan per la partecipazione al film di Ettore Pasculli «Amico segreto», girato a San Patrignano, gli altri - «alla memoria» - sono andati a Bruno Lauzi e a Suor Leonella Sgorbati. La missionaria, accoltellata il 17 settembre da due fanatici musulmani, era da cinque anni ricoverato a Mogadiscio: in un’intervista poco prima della morte - e proiettata durante la premiazione - aveva lanciato un messaggio forte per la fratellanza fra fedi diverse.

Durante la cerimonia si è anche ricordato il contributo dato dai City Angels alla comunità: «Difficile immaginare Milano senza City Angels - ha detto presidente del Consiglio provinciale Vincenzo Ortolina -. I costi, sociali ed economici, sarebbero altissimi». Mentre l’assessore all’Edilizia della provincia Irma Dioli ha ricordato l’impegno dei City Angels all’Idroscalo: «Con la loro presenza la zona è più sicura - ha affermato -. Il 30 per cento dei volontari è straniero: è una risorsa fondamentale per la mediazione con persone di diversa cultura, e aiuta a gestire situazioni difficili».

Indice articoli del 2007 Indice articoli di varie

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS