Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747813
Visitatori di oggi 21/11/2017 : 0

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook

Immagine di uno sciatore

Dopo le 4 medaglie a Torino la vacanza in Brasile
La regina dello sci ha insegnato all'Unione ciechi


Da La Gazzetta di Mantova
di Alberto Fortunati - (23 marzo 2006)

MANTOVA. Lucio Battisti le cantava, Silvia Parente le vive: le emozioni di un non vedente assoluto lanciato a 50 all'ora lungo un pendio sono più intense di quelle descritte dal poeta di Poggio Bustone ma non si possono paragonare alle quattro scariche di adrenalina che le ha regalato la Paralimpiade di Torino, dove la stella dello sci azzurro ha conquistato una medaglia d'oro e tre di bronzo.

Silvia Parente è nata a Milano il 29 settembre 1969, nelle stesse ore in cui Lucio Battisti componeva quel gioiello poi cantato anche dall'Equipe 84, e a Mantova è legata a triplo filo: gastronomico e professionale oltre che affettivo grazie al feeling col vice presidente dell'Unione provinciale ciechi, Claudio Signorini.

E' per quello che dopo la processione dei media che al Sestriere hanno voluto conoscere questo 'scricciolo' delle nevi, che a 2 anni venne colpito da un retinoblastoma che l'ha resa completamente cieca, uno dei primi pensieri di Silvia è stato per l'altra grande passione: i tortelli di zucca, che pochi sanno cucinare come Gigliola Signorini, mamma di Claudio e moglie del 'Moro' di Rodigo, artefice di una 'terapia olimpica' a base di tortelli e culatello, che ha dato ottimi frutti.

E' a quella tavola, nel bar Patty di Rodigo o allo Spik's bar in città, che Silvia si sente a casa: «In aprile voglio ritornare a Mantova a salutare gli amici - ha detto Silvia, con la voce che cantava - prima però voglio staccare un attimo la spina e volare a Rio insieme a Lorenzo, il mio fidanzato e la mia guida sugli sci».

Ieri, nell'austera cornice del Quirinale a ricevere il titolo onorifico dal Presidente della Repubblica c'erano tutti i 'medagliati' olimpici e paralimpici: mancava solo lei, Silvia, giustificatissima.

Ciampi non se le sarà presa, consapevole com'è che per Silvia le vacanze sono all'osso e che la prossima settimana sarà tempo di tornare alla scrivania dell'azienda di informatica che l'ha assunta con le mansioni di programmatrice, raro esempio di fiducia nelle capacità di una persona non vedente, che fra l'altro ha anche una laurea in Pedagogia.

Silvia Parente per tre mesi ha affiancato Giovanni Lo Monaco nel corso di Internet all'Unione ciechi mantovana, al quale hanno partecipato 20 ragazzi: con tutti Silvia ha fatto amicizia perchè la sua immensa grinta sulle nevi diviene altrettanta dolcezza nella vita.

La dolcezza in pista Silvia la riserva al suo Lorenzo, che scende davanti a lei e attraverso un megafono posizionato sulle spalle le segnala le traiettorie da effettuare in gara. La loro è anche una discesa sul percorso della vita, da superare assieme, come una persona sola. Tu chiamale se vuoi emozioni...

Indice articoli del 2006 Indice articoli di Sci

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS