Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747812
Visitatori di oggi 19/11/2017 : 1

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook

Immagine di uno sciatore

Non vedenti: la vittoria di Silvia Parente - L'oro al coraggio che esce dal buio Le soluzioni che hanno accompagnato la sciatrice nelle gare e nella vita


Da Il Sole 24 Ore
di Luigi Dell'Aglio - (23 marzo 2006)

Nel buio più completo, solo una voce dirige Silvia mentre, investita dalle raffiche del vento che è come un muro, scende dagli oltre 2.000 metri del Sestriere. Un secco comando vocale, un pa-pa-pa, che Lorenzo, la sua guida che scia pochi metri avanti a lei, le manda da un piccolo amplificatore elettronico.

Non grida parole: a quella velocità, sarebbero incomprensibili. «Io riesco a seguirlo perché sento dove sta», fa lei. La traccia sonora è come la mano di un angelo per la campionessa non vedente. E lui: «Potrei farle arrivare via radio il mio segnale ma Silvia non avrebbe alcuna idea di dove mi trovo. Invece sparo la mia voce nel microfono che ho nel casco. L'amplificatore, che porto in un piccolo marsupio sulla schiena, le fa capire con precisione dove sono passato pochi secondi prima».

Nelle Paralimpiadi di Torino 2006, ecco la coppia più affiatata, nello sport e nella vita (sono fidanzati da 10 anni): Lorenzo Migliari conduce Silvia Parente, che con lui conquista un oro nello slalom gigante, oltre a due medaglie di bronzo. Il rombo del vento metteva a dura prova la comunicazione.

«Era come se andassimo a 150 all'ora» racconta Lorenzo. Le raffiche spostavano fisicamente le onde sonore; «era un'impresa impossibile intuire da dove partiva il segnale», riferisce lei. Ma il circuito elettronico, dotato di batteria e megafono, ce l'ha fatta. E, forte della sua volontà, "occhi di tigre" ha vinto. Perché in tribuna l'hanno denominata così. Alle Paralimpiadi Silvia, per regolamento, deve portare una mascherina nera, dimostrare di essere una non vedente assoluta (rispetto agli sciatori ipovedenti, che con un decimo di vista riescono in qualche modo a distinguere la sagoma della guida che li precede). E sulla mascherina nera di Silvia, la sorella di Lorenzo ha dipinto due occhioni gialli di felino.

C'è un luogo dove è Silvia, con la sua voce, a guidare gli altri. Nella mostra «Dialogo nel buio» all'Istituto dei ciechi di Milano, si procede attraverso ambienti totalmente oscuri e s'impara che, per esempio, è possibile riconoscere al buio il modello di un'auto, semplicemente toccandola. Insieme con Silvia, ad accogliere il visitatore, molti bambini non vedenti. Sono vivaci, non hanno rinunciato a nessuna delle attività dei loro coetanei. Anche Silvia ha un padre che non ha voluto farla sentire diversa quando, a due anni e mezzo, una malattia degenerativa le portava via la vista. A quattro anni è salita sugli sci. Il papà la guidava su un canipetto: «Un pò più a destra», «Un pò più a sinistra». Poi gli studi. Le pagine dei libri sotto lo scanner. La sintesi vocale. Liceo linguistico e laurea in scienza dell'educazione.

Oggi, a 36 anni, armata del suo bastoncino bianco, ogni mattina lei prende metrò e bus e va a lavorare da programmatrice di pc. Usa la barra Braille, sistema collegato al computer, che riproduce ogni riga dello schermo in forma per lei leggibile. E poi ci sono siti che, con modalità non grafiche, ti danno l'informazione essenziale.

Sport e tecnologia, un amore indivisibile nel cuore di Silvia. L'hi-te-ch ha tenuto banco, alle Olimpiadi e alle Paraolimpiadi. L'angolo di uscita dal trampolino, calcolato da Kazuhiko Watanabe per ottenere il salto ideale. Il software che rende più scientifico il lavoro dei giudici nelle prove di pattinaggio artistico.

Per farsi un'idea della baia di Rio (dove sta per tornare, in vacanza), a Silvia basta toccare una mappa a rilievo, scolpita da Lorenzo con la sabbia bagnata. Principio semplice ma simile a quello adottato in un progetto europeo cui partecipa la Scuola superiore Sant'Anna di Pisa: il non vedente inserisce il pollice e l'indice in due speciali "ditali" e può percepire, con il tatto, le forme di una città.

Indice articoli del 2006 Indice articoli di SCI

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS