Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747813
Visitatori di oggi 20/11/2017 : 1

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook

Immagine di uno sciatore

PARALIMPIADI, LA PRIMA MEDAGLIA


Da Corriere della Sera
di Claudio Arrigoni - (13 marzo 2006)

La Parente vince il bronzo guidata dall'amore.

Silvia, non vedente dall'età di 2 anni, sul podio della libera grazie al fidanzato

TORINO - Galeotta fu l'Islanda con il freddo, la neve, il ghiaccio.

Era destino, per due che si sono conosciuti in montagna, passano i fine settimana a sciare, vincono insieme una medaglia ai Giochi più belli. Silvia Parente e Lorenzo Migliari hanno vinto la medaglia di bronzo nella discesa libera per atleti non vedenti alla Paralimpiade, la prima medaglia per l'Italia.

Silvia e Lorenzo si vogliono bene. Molto. E si sono detti ti amo in quell'isola lontana del lontano Nord, quasi dieci anni fa, durante una vacanza.

Lei è una campionessa, lui è la sua guida. Sugli sci, perchè nella vita di tutti i giorni, Silvia, milanese, 36 anni, programmatrice di computer, quasi una laurea in Scienza dell'educazione, di guide non ha bisogno. Anche se ha smesso di vedere fra i due e i tre anni per un retinoblastoma.

I miei genitori mi hanno messo sugli sci a 4 anni, forse per convincere mio fratello, che è più piccolo, e io mi sono innamorata della neve , dice. La neve è stata prima quella di Madonna di Campiglio (dove andava in vacanza con mamma Diana, papà Antonio e il fratellino Daniele, di due anni più giovane di lei), poi quella dell'Appennino, dove Lorenzo, bolognese, ha una casa.

I non vedenti sciano con una guida davanti che, come fa Lorenzo, può avere un megafono per indicare con la voce il tracciato. Si segue una voce, dice Silvia. Facile a dirsi. Fatelo senza vedere, sulla pista Olimpica del Sestriere, con velocità che per una sciatrice non vedente variano fra i 60 e gli 80 km orari:
La discesa non è la mia gara, avevo paura, lo ammetto, quella pista poi è difficile, alla fine avevo le gambe che bruciavano per la fatica, credevo di morire.

Bisogna fidarsi di una voce. Come fa Silvia con quella di Lorenzo. Una affiatamento nello sport e nella vita. Fare la guida è bellissimo, ora quando scio da solo mi capita di guardarmi dietro, mi diverto di più in due. Bisogna usare la testa e pensare che dietro c'è una persona che non ci vede, mica un rimbambito - dice Lorenzo -. è uno sport individuale che diventa uno sport di squadra.

E infatti la medaglia è andata a tutti e due. Con le feste alla fine di Alberto Tomba, che ogni tanto li ha incrociati ad allenarsi a Vidiciatico, praticamente casa sua. Quando saremo soli ti do qualche segreto per lo slalom, ha detto a Silvia.

La specialità di Silvia è il SuperG, dove ha vinto la Coppa Europa, e in cui gareggerà domani.

Silvia e Lorenzo vivono lo sport con serenità. Alla fine della Paralimpiade ha già prenotato una vacanza a Rio. Lontani dalla neve, per una volta.

Le prime gare internazionali a poco più di vent'anni, poi due Paralimpiadi in Norvegia nel '94 (con un bronzo in slalom) e in Giappone nel '98, un argento ai Mondiali del 2003 in Austria, infine Torino senza essere passata per Salt Lake City, Silvia è una di quelle che poi vengono definite pioniere, perchè nella storia di questi sport ci è passata in mezzo e anche oggi ci sta benissimo.

Ora è molto diverso da allora, ci sono i professionisti in mezzo a noi dilettanti, il mondo è cambiato, per questo riuscire a vincere è straordinario. E farlo in due, con chi si ama, è ancora più bello.

Indice articoli del 2006 Indice articoli di Sci

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS