Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747815
Visitatori di oggi 22/11/2017 : 0

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook

Immagine stilizzata di una battuta di baseball

Baseball per non vedenti, con la primavera il nuovo campionato


Da Superabile (8 marzo 2004)

L'ottava edizione partirà il 21 marzo. Campione d'Italia la squadra di Bologna. Il torneo è organizzato dall'associazione, formata da ex giocatori, che si sono dedicati a questa disciplina dai primi anni Novanta.
di Gabriele Bonincontro

8-3-2004 Superabile Baseball per non vedenti, con la primavera il nuovo campionato L'ottava edizione partirà il 21 marzo. Campione d'Italia la squadra di Bologna. Il torneo è organizzato dall'associazione, formata da ex giocatori, che si sono dedicati a questa disciplina dai primi anni Novanta.

di Gabriele Bonincontro E' ormai giunto all'ottava edizione, e comincerà il prossimo 21 marzo, il campionato italiano di baseball giocato da ciechi. Cinque le squadre ai nastri di partenza, campione d'Italia uscente è il Bologna White Sox. Le altre quattro formazioni che contenderanno il titolo agli emiliani sono la Fiorentina Bxc, la Cvinta Ravenna, l'Aquilone e il Milano Thunders Five.

Il campionato è organizzato dall'Associazione italiana baseball giocato da ciechi, formata da ex giocatori della Fortitudo Bologna, che, dopo due anni di sperimentazione su spazi, tempi, modalità e attrezzature, sono riusciti nel 1994 a organizzare la prima partita tra non vedenti. Il primo campionato si è svolto nel 1997.

Il baseball per non vedenti è in continua crescita in Italia. Ne abbiamo parlato con Alfredo Meli, presidente dell'Associazione, che ci ha spiegato il suo sviluppo e la sua espansione nel nostro Paese.

Attualmente lo giocano regolarmente e con continuità circa una cinquantina di ragazzi ma, considerando anche quelli che hanno smesso o che lo hanno praticato solo per un certo periodo, il numero raggiunge quasi le cento unità. Del resto è il più delle volte intorno agli istituti frequentati dai ragazzi che si formano le squadre; alcuni sono quindi costretti ad abbandonare la pratica sportiva quando fanno ritorno nelle loro città. E' questo - come ci ha detto ancora Meli - l'esempio di un ragazzo che, lasciato l'istituto di Bologna - sta cercando di organizzare una squadra a Roma. Ed è proprio con il passaparola che i ragazzi si avvicinano il baseball. Le squadre si -autoreclutano. I ragazzi tendono a vivere in comunità, a stretto contatto tra loro, sia quando si trovano negli istituti, sia quando praticano sport o giocano, per cui riescono a formare squadre con una certa facilità.

Il baseball è uno sport che si adatta molto bene ai giocatori non vedenti. E' un gioco che ha grande sicurezza, non essendoci contatto fisico, con azioni ben distinte di attacco e difesa. Poche infatti le modifiche che sono state apportate al regolamento. Le squadre sono formate da sei giocatori, cinque non vedenti e uno vedente, al quale, nella fase di difesa, si unisce un altro giocatore vedente con funzioni di assistenza. Nella fase di attacco, i due fungono da suggeritori, uno in seconda base e uno in terza. La prima base è sonora, e anche la palla, di peso e misure regolamentari, è forata con cinque buchi e contiene due sonagli.

I ragazzi sono seguiti e allenatori da un gruppo di istruttori, tutti ex giocatori di baseball. -Il nostro approccio - ha spiegato ancora Meli - è stato proprio quello di insegnare il baseball. Siamo del resto ex giocatori, non potevamo fare altro. Ci siamo presentati come insegnanti di baseball, non come istruttori per ragazzi non vedenti, è questo stato molto apprezzato dai ragazzi. Nel momento dell'allenamento tutti gli allenatori insegnano a tutti i ragazzi, senza distinzioni tra diverse squadre. Durante le partite invece, ognuno riassume il proprio ruolo. E il campionato è assolutamente regolare e molto valido dal punto di vista agonistico. -Proprio questo è stato il più grande successo del nostro sport - ha sottolineato ancora il presidente dell'associazione -. I ragazzi sono animati da una spinta agonistica che non ci saremmo aspettati. Le partite sono molto combattute. Non ce lo aspettavamo perché il baseball è uno sporto molto complicato, per cui in un primo momento avevamo pensato di renderlo più semplice. Sono invece stati gli stessi ragazzi a trovare soluzioni di gioco che ci hanno sorpreso. E Allora non resta che aspettare il prossimo 21 marzo per tornare tutti sul diamante.

Indice articoli del 2004 Indice articoli di baseball

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS