Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747813
Visitatori di oggi 21/11/2017 : 0

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook

Immagine stilizzata di un pattinatore

Lezioni di pattinaggio per i ragazzi del Gruppo sportivo non vedenti


Da "Nuovasesto90" (22 novembre 2002)
di AURELIA DELFINO

C'è un corso tutto particolare sulla pista del Palaghiaccio

Sarà banale o addirittura poco rispettoso, ma la prima cosa che viene in mente, guardandoli muoversi sul ghiaccio, è che siano dei semplici principianti. Parliamo degli allievi del corso di pattinaggio per non vedenti che si tiene ogni mercoledì sera al Palasesto. Dieci persone (in maggioranza le donne,) con problemi diversi, alcuni ipovedenti, altri ciechi dalla nascita, ma sicuramente tutt'altro che semplici, sono davvero dei pattinatori straordinari.

L'avventura è cominciata all'inizio di ottobre. Dopo un periodo di ricerche, questi ragazzi, mèmbri del Gruppo sportivo non vedenti di Milano, hanno trovato ospitalità a Sesto. Anche da parte degli insegnanti è stata una sfida, nessuno aveva mai avuto una classe così speciale. Ma la voglia di provarci e la generosità (tutti sono volontari,) hanno fatto superare i dubbi.

Nella fase iniziale del corso gli allievi sono seguiti molto da vicino, ma già oggi c'è un gruppetto che volteggia autonomamente per la pista. Certo, ogni tanto c'è bisogno di un piccolo avvertimento. Ma i progressi si notano seguendo anche una sola lezione.

Durante quei 50 minuti succedono tante cose di cui un vedente può stupirsi. Ad esempio, dopo mezz'ora, arriva Florinda: è in ritardo e non vuole perdere un secondo di più. Così si cambia veloce e infila l'ingresso, dimostrando una conoscenza dello spazio che noi possiamo solo immaginare.

"Quando sono arrivati qui la prima volta, - racconta Rino del Palasesto, - molti hanno chiesto le dimensioni della pista". E la cosa bella per chi li osserva sta anche in questo: sono pattinatori che costringono a guardare oltre quello che si può abitualmente vedere.

Il programma del corso prevede lezioni fino a febbraio, ma tanti sono gli allievi che vorrebbero continuare. "All'inizio dell'anno, - ricorda Rino, - avevamo chiesto l'appoggio del Comune di Sesto. Poi, stanchi di aspettare, abbiamo cominciato".

Per alcuni del gruppo il pattinaggio è solo uno degli sport praticati. "Quello che ci mancava," dice Angela, che prosegue descrivendo una passeggiata sui pattini come "una continua e sinuosa ricerca di equilibrio".

Florinda si concentra sull'utilità: "Ci aiuta a muoverci meglio, - dice, - a superare larigidità." A sentire gli istruttori, uno degli scopi principali del corso e semplice e speciale allo stesso tempo.

Si tratta di fare in modo che tutti possano venire a pattinare con serenità nelle ore di apertura al pubblico. Ma tra i più esperti c'è già chi vorrebbe superarlo e chiede a gran voce di cominciare a provare coreografìe artistiche.

Ed è proprio pensando a piccoli e grandi obiettivi che il nostro augurio e "forza!" speciale a Eleonora.

Indice articoli del 2002 Indice articoli di pattinaggio sul chiaccio

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS