Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel 327 83 46 575; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; CF: 97063940155; IBAN: IT13N0306909606100000004341 - Intesa San Paolo
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1749497
Visitatori di oggi 29/09/2020 : 0

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook


Scacchi che passione, anche on-line.


Ecco quindi, appena giunto al termine, il primo torneo FISPIC di scacchi on-line.

Come dice spesso la pubblicità.... se la voglia ti prende, assecondala!

E se c'è un virus che ti impedisce di trovarti con un tuo amico davanti a una scacchiera, allora scopri che anche on-line si può.

La FISPIC ha quindi deciso di indire il suo primo torneo telematico: nell'arco di quasi due mesi, dieci giocatori da tutta Italia, (di cui ben tre del nostro Gruppo sportivo, Susanna Prada, Monica De Fazio e Adriano Chiesa), si sono sfidati in due gironi all'italiana, tutti contro tutti, dando vita a 90 appassionanti partite.

Un torneo open, nel quale cioè hanno potuto affrontarsi non vedenti e vedenti, ciascuno con la propria scacchiera davanti, accomunati in tutto e per tutto dal fatto di non vedersi.

Le mosse vengono chiamate con le coordinate standard e riprodotte da entrambi i giocatori sulla propria scacchiera, in modo che la situazione sia sempre attuale e visualizzabile, dalle mani o dagli occhi.

Luca Crocioni, ASD Perugia Torball, vincitore del torneo, entusiasta di questa possibilità di gioco in un momento anche così difficile per i rapporti sociali, già pensa a una seconda edizione del torneo, e, chissà, magari ci saranno opportunità anche per giocatori esteri.

Tanti giocatori di buon livello che si sfidano per così tante partite danno davvero la possibilità di imparare molto, nuove strategie, nuove malizie, perchè solo nel confronto si migliora e si cresce; si incontrano persone nuove lontane geograficamente ma avvicinate dalla passione e dalla sfida.

Monica De Fazio, ottimo secondo posto, ormai da anni appassionata del gioco, ammette che forse l'unica discriminante è stata proprio a favore dei ciechi, nel momento in cui un vedente, non abituato a chiamare le coordinate del pezzo da muovere, poteva confondere le caselle e quindi ritrovarsi con una mossa non voluta, e solitamente penalizzante. Ne sa qualcosa il nostro Adriano, trasportato dal Baseball agli scacchi per questa occasione, che nonostante qualche difficoltà di adattamento iniziale ha terminato in quinta posizione.

Un bel lavoro insomma anche per gli arbitri, che hanno dovuto prestare particolare attenzione anche a questo aspetto, e quindi vanno ancora più del solito ringraziati per l'impegno, aggiunge ancora Luca.

Speriamo davvero che nel panorama italiano possano prendere piede iniziative di questo genere: tutti gli scacchisti hanno le scacchiere che prudono, e non potranno che esserne felici.

di Angela Bellarte

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2020 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS