Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747816
Visitatori di oggi 22/11/2017 : 1

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook


un'intervista a un giocatore di baseball per ciechi?


“A.A.A. cercasi NON vedenti per squadra di baseball”.

No, non è una barzelletta sarcastica. E' più una bella favola, in cerca di un finale concreto. Reale. Fattibile.

A raccontarmela è Qadeer, 25enne pakistano che emana un’energia da illuminare un’intera città. Fattore che a lui non gioverebbe, in quanto cieco, ma che son sicuro favorirebbe con la naturalezza contagiosa che lo contraddistingue, se solo potesse.

Quando mi racconta – da dietro gli occhiali scuri, bastone bianco non da Lord – che si sta recando all’allenamento di baseball, io ci rimango secco. “Basebaaaall!!! Ma se non ci vedi come la becchi la palla?!?!” Qadeer è travolgente. Ha sempre l’umore al galoppo. E mi spiega che la pallina è speciale: suona. A me pare che lui sia più speciale della pallina. Voglio dire: io non la prendo nemmeno coi miei 10/10, la palla! Figurati se dovessi basarmi sul fatto che suona!!! Mi pare che, più che diversamente abili, sia una roba per persone particolarmente abili. Da mezzi supereroi, quasi. Lui mi spiega che questo è il problema: far capire che è fattibile. Normale. Si fa. Ma, per comprenderlo, bisogna vederlo, noi. E provarlo, i ciechi. Infatti l’altro problemino è che a Brescia sono solo in 3. Ne servono almeno altrettanti. Ce ne sono circa 170 da convincere, di non vedenti, qui a Bs. Cribbio, 3… non dovrebbe esser così difficile… Anche tra le donne, sì. Le squadre sono miste. Che provino!, mi dice Qadeer. Soprattutto, come spesso capita, il problema sono i genitori, che credono possa essere pericoloso per i loro figli. Qadeer s’infervora nel dire che “non siamo mica vecchi, da non farci fare nulla! Siamo giovani! Ed è bello! Fa bene! Non lo capiscono!!!” Mi fa capire, in sostanza, che la cecità è a volte nei genitori, o ha l’essenza dei paraocchi mentali anche per chi potrebbe esplorare diversi tipi di luce, oltre il buio del proprio handicap.

Sul sito www.aibxc.it ci sono tutte le info del caso, ma, ancor meglio: “Facciamo una dimostrazione - mi spiega Qadeer - : Venerdì 4 ottobre (quindi oggi) alle 15.30 al campo di Via Branze, vicino a Ingegneria! Verranno gli allenatori da Milano! Obbiettivo: creare una squadra di Brescia! Io voglio giocare per Brescia, mica per Milano! Non importa se non vinciamo, ma io sono bresciano e voglio giocare per la mia città. Brescia deve avere la sua squadra!”

Quando lo incrocio – circa una volta l’anno - mi sento quasi a disagio: lui si ricorda sempre tutto, dove abito, cosa gli ho detto l’ultima volta eccetera, io casco sempre sulle banane, e poi lui sorride sempre e io no. Vorrei dirgli di scusarmi, chiedergli di avere pietà di me. Ma so che non ce n’è bisogno: è una persona intelligente.

Ah, tu... Tu che hai gli occhi su queste righe, dico. Che fai oggi pomeriggio?! Io alle 15.30 sarò al campo di Via Branze. Vieni anche tu!? Dai! Sarà bello! Vedrai! Vedrai…

Fabio Bix

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS