Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747816
Visitatori di oggi 23/11/2017 : 0

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook


Scherma: Il resoconto degli "italiani"


Il primo giugno a trieste si sono tenuti i cambpionati italiani assoluti di scherma.

Le Ilaria sisters, Pietro e Giuseppe c'erano!

Riassunto delle puntate precedenti: l'avventura è iniziata il 28 aprile ad ancona con le qualificazioni per gli italiani, sarebbero passati i primi otto uomini e le prime otto donne qualificate...e noi 4 ci qualificammo!

Quindi il primo giugno di nuovo in pedana! questa volta con tanta tensione e aspettative in più per tutti, anche perchè insieme a grandi nomi della scherma come Paolo Pizzo, Margherita Granbassi e Arianna Errigo c'erano anche i nostri, Ilaria Vermi, Ilaria Granata, Pietro Palumbo e giuseppe rizzi.

Squadra con Paolo Pizzo

La mattina ha visto impegnati in pedana gli uomini, il fatto che le nostre pedane siano insieme a quelle dei vedenti porta lati positivi ma anche alcuni svantaggi...

Positivo è che abbiamo la stessa visibilità degli altri atleti, che ci sia integrazione totale e gran visibilità per questo nuovo lato della scherma.

Avete mai assistito ad un assalto di scherma? a volte sembra quasi di essere in un macello bovino...o all'october fest di monaco... gli atleti lanciano grida di battaglia molto coreografici!

Questo fa si che in alcuni momenti il gran rumore attorno a noi rende poco udibile l'arbitro.... e non è certo simpatico non sentire l' a voi che da inizio all'assalto e rimanere imbalsamati in posizione di guardia!

E qui il primo intoppo della giornata....eh Pietro?!

Un pò in preda alla troppa tensione....un pò posseduto dal pitbull in cui si incarnerà nella prossima vita...Pietro è stato protagonista del primo tafferuglio in pedana della storia della scherma per ciechi!

Quasi rissa con arbitro che poveretto lui è stato messo ad arbitrarci!

Maestro Giovanni Lodetti stoppa il pitbull

Ma tutto bene quel che finisce bene, Pietro evita per un soffio il cartellino nero, il malcapitato arbitro (per altro nemmeno l'ultimo arrivato ma uno che arbitra olimpiadi e mondiali da anni) , realizza di non essere in chiesa e alza il volume della voce, quindi tutto può riprendere nel migliore dei modi.

Alla fine del girone Rizzi ha riportato 3 vittorie e 4 sconfitte, classificandosi sesto, mentre Pietro pitbull Palumbo, vittima della tensione per la prestazione e ancora in preda ai fumi della rabbia per non aver potuto avere un corpo a corpo con l'arbitro ha ottenuto 4 sconfitte e 2 vittorie, una delle quali con il poi campione italiano, questo a dimostrare le sue potenziali capacità!

A questo punto sono iniziati gli scontri diretti per comporre la classifica finale.

Pietro ancora posseduto dal pitbull con la sua ennesima sconfitta si è piazzato settimo. dovevamo forse pensare ad un esorcismo????

Pietro vs arbitro Viscardi

Rizzi con 2 vittorie è arrivato all'assalto finale con il tanto tedmuto Realdini...tanto temuto che come si aspettava...ha perso! Ma un degnissimo 10 a 8 che lo ha comunque reso molto fiero del suo secondo posto!

Nota di colore: il buon Rizzi ha versato inaspettate lacrime di gioia dopo l'assalto che lo ha portato in finale! momento degno di nota per tutti noi! il burbero e brontolone ha dimostrato il suo lato umano! ecco spiegato perchè lo chiamo l'orso dai buoni sentimenti!

Maschietti sistemati!!

Premiazione Maschile

Nel primo pomeriggio è arrivato il turno delle Ilaria sisters....che dopo aver assistito alle gare della mattina hanno avuto modo di far salire al massimo la tensione!

Ilaria sisters, Pietro, Maestro Giovanni e Aldo Montano

E forse per questo, inizio non brillantissimo....nel girone Ilaria Vermi ha ottenuto 3 vittorie e 4 sconfitte piazzandosi quarta, Ilaria G ha ottenuto 4 vittorie 3 sconfitte piazzandosi terza.

E qui scatta il racconto in prima persona da una delle protagoniste....entrambe abbiamo vinto gli assalti che ci hanno permesso di arrivare in finale...

dura giocarsi la finale in casa! ma inqualche modo crea anche una certa tranquillità, una situazione famigliare che conosci e che anche se ti rimane il lontano pensiero che sei in gara, che c'è un titolo in ballo, ti mette nella condizione mentale di sano e dico sano agonismo. in fondo è sempre una gara no?

Però va già bene sapere che comunque vada il primo e il secondo posto rimangono in casa!

Dopo l'abbraccio di incoraggiamento di rito, dopo la battuta dell'arbitro donna della imminente guerra fratricida.... dopo esserci sistemate in pedana, inizia il siparietto comico...l'arbitro chiede come ci chiamiamo....la sorella alla sua destra risponde Ilaria, la sorella alla sua sinistra risponde...Ilaria.

L'arbitro nello sconforto più totale esclama: e io adesso come faccio???????? risata generale e si stabilisce che il cognome va benissimo lo stesso!

Signore in guardia....a voi!

E così ha inizio la nostra finale tutta milanese che chiunque vinca vincerà unIlaria!

A voi scegliere la vostra. fine dell'articolo.

Ok ok finisco, scusate permalosi!

Parte in quarta la Vermi, 1 a 0, 2 a 0, 3 a 0.

e poi da bordo pedana qualcuno urla: che fai dormi? è l'orso dai buoni sentimenti che mi tira fuori dal mio torpore....e così bip, 3 a 1, bip, 3 a 2, bip, 3a3 , bip 4 a 3 per Granata, colpo doppio 4 pari...e poi via...un punticino alla volta su fino al 10 a 4.

Qualcuno mi ha chiesto se sul 7, 8, 9 a 4 prima della touche finale un pò di emozione c'era anche se era una cosa in famiglia Ila contro Ila...

L'emozione c'era su ogni stoccata che porta verso il 10 finale, il cuore batte sempre un pò più forte, il respiro manca sempre un pò di più, non per la fatica ma per la voglia di vincere, anche se dopo ogni stoccata chiedi scusa alla Ila che hai di fronte perchè sai che il tuo punto non è il suo.

Prima che l'arbitro dichiari la fine dell'incontro, dimenticandoci tutte le buone abitudini della disciplina le Ilaria sister si erano già levate la maschera e abbracciate...una si complimentava, l'altra si scusava....ma già sapevamo che chiunque avesse vinto, avrebbe vinto un'Ilaria.

La Granata conferma la prima posizione delle qualificazioni, la Vermi salta con onore dalla terza alla seconda posizione! un podio tutto milanese!

Premiazione femminile

Seconda nota di colore: l'orso dai buoni sentimenti, ormai già ppiù burbero e bbrontolone...versa le sue seconde lacrime della giornata per la campionessa italiana!

E per concludere questo infinito fiume di parole....due rinraziamenti.

a Mirco, il nostro maestro da 2 anni che ci ha sopportato e permesso di arrivare dove siamo arrivati, giusto per ricapitolare, un Palumbo settimo e un Rizzi secondo nella classifica maschile e le Ilaria sisters prima e seconda in classifica (che in porta chi delle due è la prima e chi la seconda, comunque vada è un'Ilaria!) nella classifica agli italiani assoluti di scherma! quindi grazie Mirco!

A Giovanni Lodetti, che ad ancona e a trieste ci ha sopportato e supportato magistralmente! anche noi abbiamo un pò sopportato lui ma questo non diteglielo! grazie Giovanni!

Ai miei compagni di avventura, perchè è stato bello condividere con loro tutte queste emozioni. grazie compagni!

E ricordate tutti....comunque vada vincerà un'Ilaria sempre!

Ilaria Granata

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS