Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747813
Visitatori di oggi 21/11/2017 : 0

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook


Smile

2o Pajulahti Games, 20-22 gennaio 2012.


Finlandia: terra di elfi, di orsi bianchi, di renne e di Babbi Natali... E noi? Noi del G.S.D. invece ci giochiamo a Showdown!

Pajulahti, nel mezzo del niente, neve e alberi, un centro sportivo che potrebbe essere un villaggio olimpico tanto è grande e attrezzato, nell'ambito di una manifestazione che ospita gli sport più diversi.

Voto 10 con lode per l'organizzazione!

Una neve leggera e asciutta copre tutto di un manto candido, ghiaccioli luccicanti scintillano dai tetti come denti di animali mitologici: e davvero avremmo voglia di tornare in ferie in questa terra magica. Ma per ora, c'è altro che ci aspetta!

Arriviamo in aereoporto e un bus dell'organizzazione ci viene a recuperare insieme ad altre squadre, e agli amici di Bologna!

è ormai sera e la giornata passata in viaggio è stata lunga. I nostri preziosi accompagnatori/coach, Eugenio, Maurizio e Francesco, con la scusa che dobbiamo ritemprare le energie, ma in realtà perchè non ne possono più di noi, ci mandano a nanna... A domani!

La mattina arriva con voci che si intrecciano, si cercano le stanze dove ci attendono le nostre partite, il tempo di entrare in clima e presto i tavoli di gioco rimbombano del rumore delle palline, i fischietti degli arbitri annunciano vittorie e sconfitte. Si gioca tanto, tantissimo: nei corridoi parole incomprensibili in lingue straniere, risate, uguali in tutte le lingue; battute e racconti di partite; chi tra un match e l'altro cerca solitudine, chi cerca gli amici, chi cerca una boccata d'aria fresca

Domenico che fuma in attesa della chiamata

chi cerca concentrazione con un training autogeno alternativo

la Finlandese Sirpa si rilassa lavorando a maglia per il nipotino in arrivo

I nostri magnifici tre si dividono ai tavoli e per la sussistenza, e si sommano al ragazzo a cui l'organizzazione ci ha affidato, Mixu: a nessuno manca un supporto, un consiglio;

essenze dai profumi intriganti, rilassanti, eccitanti, galvanizzanti, escono dallo zaino di Maurizio per solleticare il naso degli atleti pronti al combattimento, ma se non convinci l'arbitro che non ci stai dopando qui ci cacciano fuori tutti quanti!

Con alterne vicende e alterni risultati, al termine della prima giornata tutti hanno fatto il pieno, e le braccia sono stanche e la testa un po' impallata per la lunga concentrazione. Maurizio e Domenico si sono qualificati per la parte alta del tabellone, josè, la Coccolina e Monica per un soffio invece andranno a combattere per i posti subito a ridosso, dal 11 al 15 per le donne, dal 17 al 21 per gli uomini. Subito dietro anche Angela e Alessandra, ma per tutti la prospettiva di giocare ancora parecchie partite interessanti.

Ci si incontra nei corridoi, si fa il punto e si raccontano le partite: una palla che invece di essere morta è ancora viva e finisce in porta senza farsi sentire, e una partita finisce con una sconfitta e un po' di rimpianto; una rincorsa sotto di 5 punti, e la vittoria arriva con un pugno alzato e un grido di trionfo.

La seconda giornata termina con parecchie posizioni definite, in molti possono rinfoderare palette e guanti e tirare le somme del torneo: chi ha migliorato dall'anno scorso, chi ancora non ha capito come eliminare l'emozione e la fifa, chi vorrebbe giocare ancora e rifare proprio quella partita per vedere se riesce a ribaltare il risultato...

Mancano da giocare le partite dei migliori, c'è da assegnare le medaglie e i posti di eccellenza.

Ma per tutti, arbitri stremati, giocatori rilassati o ancora vibranti, allenatori surriscaldati e accompagnatori usurati, stasera c'è la grande festa. Ragazzi di altri sport arrivano a riempire la sala: scorre la birra leggera della Finlandia, scorrono nei corridoi le voci sonore e intonate dei ragazzi russi forse del wheels chair hockey, rispondono dallinterno della sala le parole dell'Inno di Mameli. Clima internazionale all'insegna dello stare insieme! Ma dov'è Massimo? C'è anche il nostro grande arbitro Massimo che, ovviamente, non abbiamo incontrato ai tavoli, ma che ha già condiviso con noi i pochi momenti che ha avuto liberi, ma dove si è infilato? Quando compare ci spiega... La sauna... Un tuffo nel lago da un buco nel ghiaccio... La comunità degli arbitri goliardici gli ha organizzato un battesimo del fuoco... Da brivido!

Massimo il nostro arbitro italiano

Anche stasera però non tiriamo tardi, la mattina aspettiamo ancora emozioni!

Così, mentre chi non deve giocare può finalmente abbuffarsi a colazione con uova strapazzate, affettati e marmellata, i nostri due che ancora hanno in mano la paletta sono già in clima agonistico.

Frementi, elettrici, instancabili, i giocatori si avvicendano sui tavoli e finalmente il termine dei giochi decreta le posizioni definitive: alla Finlandia tutto il podio femminile, Hanna Wilmi in testa... le perdoniamo solo perchè giocano in casa!

Alla Finlandia anche tutto il podio Maschile, e qui li perdoniamo solo perchè il quarto, dopo una lotta davvero durissima, è Domenico!

Domenico sfinito dopo l’incontro,dorme seduto

Con un ottavo posto per Maurizio, e, speriamo, con qualche bagaglio di esperienza in più per tutti, possiamo tornare a casa lasciando questa terra straordinaria, pronti per un altro torneo e per continuare l'avventura!

tutto il gruppo sulla neve fresca insieme al tutor Mixu (da sinistra:Angela C.-Mao-Francesco-Domenico-Alessandra (davanti)-Maurizio R.-Coccolina-Coccolino-Monica(davanti), Mixu-Eugenio(davanti)

Angela Bellarte

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS