Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747780
Visitatori di oggi 23/10/2017 : 2

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook


interello, secondo torneo calcio integrato

(Sabato 9 Aprile 2011)


il Calcio con la C maiuscola, proprio perchè non è il calcio di quelli che portano a casa un sacco di soldi e tengono impegnati un sacco di italiani per un sacco di giorni alla settimana.

Questo è il Calcio con la C maiuscola perchè a guardare le partite dei ragazzi del Calcio Integrato di questo Torneo giocato a Interello, una mattina di aprile con un sole da agosto e un entusiasmo da finale di mondiali, viene subito un pensiero: "Ecco, questo è proprio quello che dovrebbe essere lo sport!"

I calciatori in gruppo

Ragazzi che giocano tutti insieme, con urla di incoraggiamento che ci arrivano da tutt'intorno, siamo circondati da un clima di festa e di agonismo che culmina, nella cerimonia di premiazione, con altre urla di gioia per ogni squadra partecipante.

E ci siamo anche noi, del G.S.D. non vedenti di Milano, Presidente Cusati in testa a tutti perchè quando si tratta di dare calci a una palla nessuno si tira indietro!; ci siamo anche noi, contenti di esserci, per giocare una partita di calcetto con una rappresentanza dell'Empoli Aquilone, in una partita che ha coinvolto un sacco di pubblico, curioso, affascinato, coinvolto sul serio perchè non basta restare e guardare questa cosa un po' strana, bisogna mettersi lungo i muretti che delimitano il campo e segnalare a gran voce ai giocatori non vedenti quando si stanno avvicinando troppo al bordo.

Davvero un modo interattivo, non trovate?non è molto meglio che guardare la partita in tv?

Così si guarda quella palla ripiena di campanelli che rotola tra i piedi di giocatori completamente bendati, questa è la regola per gli sport agonistici, e si ascoltano i giocatori vedenti e non mandarsi richiami per regolare l'azione in campo.

Il risultato non lo diciamo, non perchè non lo sappiamo, ma anche perchè il risultato in termini di punteggio non è importante: la cosa importante è stata vedere con che entusiasmo chi è venuto a guardare la nostra partita si è unito al gioco, senza tentennamenti, senza problemi, per gustarsi la partita che si è svolta proprio grazie a loro.

Si sa, il calcio è sempre una grande attrattiva, un pallone è capace di unire i piedi e le menti delle persone più diverse nei posti più diversi.

Eugenio spiega le regole dello showdown a Toldo

Ma c'era anche un'altra attrazione sabato a interello, se ne sono accorti i ragazzini che, liberi in alcuni momenti dall'impegno del campo della loro squadra, si sono accostati a quel tavolo con le sponde spuntato in mezzo a un campo da calcio per provare a giocare a showdown tra di loro, o contro qualcuno dei nostri. se ne è accorto anche Francesco Toldo, testimonial della manifestazione, che con una paletta in mano ha provato a misurare la sua abilità di portiere contro il nostro Domenico... va bene, ve lo diciamo che ha vinto il Dome, ma la prossima volta mettiamo lui in porta a fare il mestiere di Toldo e vediamo come se la cava!

Toldo para la pallina sul tavolo da showdown

Emozionante davvero avere accanto questo personaggio, uno degli inarrivabili che invece dimostra di essere tanto a portata di mano, tanto disponibile, e tanto stupito di come un cieco possa schivare una pallinata che gli rimbalza verso la faccia.... se ne avesse prese già tante quante noi avrebbe imparato a schivarle anche lui!

Toldo tra i giocatori di showdown!

Ci siamo davvero divertiti quella mattina, tra i campi di calcio e il tavolo da showdown inaspettatamente godibile in una cornice bellissima ma non certamente ideale, aria, uccellini, tifo dai campi, vociare di pubblico, così diverso dal silenzio asettico che è tanto necessario solitamente a questo gioco.

è stato un bagno nell'entusiasmo, per noi ospiti a questo torneo, per noi dello showdown e per i ragazzi del calcetto, come per tutti i ragazzi che hanno composto le squadre del torneo di calcio integrato.

Grazie al dott. Marco Monetti che ci ha accolto e supportato con tanto ardore! sarà per questo che faceva così caldo?

Strette di mano, foto e medaglie ricordo, ma soprattutto torniamo a casa con la sensazione che, per fortuna, lo sport di tutti, di chi fa fatica o di chi ne fa meno, lo sport senza troppi problemi di chi vince e chi perde, ma giocato solo per divertirsi e stare insieme, esiste ancora!

Angela Bellarte

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS