Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747780
Visitatori di oggi 23/10/2017 : 2

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook


CAMPIONATI DEL MONDO B.S.I.


Ho supplicato il pluricampione Luigi Bertanza di scrivere lui questa volta un articolo, ma niente da fare, mi toccherà annoiarvi!

Innanzitutto in due parole cos'è il campionato B.S.I.:sono regate di flotta, a bordo delle imbarcazioni ci sono 4 persone 2 non vedenti e due vedenti, i vedenti sono uno in prua al fiocco e regolazioni e l'altro non può toccare nulla e fa il tattico, i non vedenti sono al timone e randa.

Questa edizione si è svolta in Nuova Zelanda. nella nostra categoria b1 c'erano 9 nazioni: Nuova Zelanda, Australia, Usa, Giappone, Francia, Norvegia, Finlandia, Gran Bretagna, Italia.

A fine dicembre ricevo una chiamata del Giulio Comboni:"vuoi venire con noi ai campionati mondiali in Nuova Zelanda?"

Non ci ho proprio pensato, ho accettato, ma poi comìnciarono per me le preoccupazioni. Letto il regolamento scopriamo che i non vedenti a bordo dovranno essere Luigi al timone, ed io alla randa, ma io ho sempre avuto a che fare col fiocco, e poi mi dicono la randa è grossa ce la farai? Ma io quasi cedo il posto, di uomini muscolosi ne abbiamo perchè rischiare?

Ma pare che la sfida più pesa più stuzzichi, sì ma non per me. Così comincio ad andare ancora più assiduamente in palestra per rinforzare schiena e braccia.

Si fanno gli allenamenti al lago ogni settimana con temperature davvero basse. Conosciamo il tattico,Pierluigi Omboni, proprio simpatico e sembra che lui con i ciechi ci sia sempre andato in barca da quanto è disinvolto. però per le partenze ha qualche perplessità e allora il Giulio ci pensa e organizza due giornate con partenze simulate con boe e barche coinvolgendo volontari e amici. Lascia il Pier solo in barca con me e Gigi e devo dire che se l'è cavata proprio bene!

Le barche a vela tutte schierate nel lago leggermente increspato. Tutt'intorno montagne fanno da splendida cornice.

E allora si parte, il viaggio è davvero lungo, le ultime ore sembrano eterne. Arriviamo, ma non siamo stravolti, allora pensiamo dopo pranzo di andare a vedere le barche, visto che non le conosciamo. Erano tutte schierate sui carrelli nel parcheggio, ce n'erano più di 20 e il Giulio dice: tutte ma non la numero 2, è proprio brutta!

Il giorno dopo si fanno le prove e poi il braifing, dove al sorteggio della barca per le prime regate,ci capita la numero 2, oh ma che fortunati!

Ogni giorno comunque cambieremo barca e allora andiamo dal ferramenta e compriamo di tutto perchè ogni barca è una sorpresa, non si sa mai. E così riusciamo ad arrivare tardi alla cerimonia di apertura, ognuno vestito a suo modo, le altre squadre tutte in divisa, e mentre uno sconosciuto sfila con la nostra bandiera, gliela prendiamo di mano e canticchiamo un po' stentatamente l'inno.

Finalmente cominciamo le regate: il vento è poco e salta parecchio quindi anche la sorte ha il suo peso. La prima regata: ultimi ci dice il Pier e Giulio sottolinea sì ma con distacco! Beh, e allora esce la rabbia e il carattere, si cambiano le regolazioni e finalmente anche una brutta barca può camminare, certo non correre e quindi dopo il nono ci prendiamo un quinto e un terzo posto. Scendiamo a terra e un organizzatore ci comunica una notizia secondo lui pessima: la nostra bandiera è caduta in lago, e noi non possiamo far altro che riderci sopra, la giornata andava dimenticata, e in classifica generale ci troviamo quinti.

I giorni successivi il vento aumenta, le cose vanno meglio e cominciamo a risalire in classifica generale, dopo il terzo giorno siamo secondi, ma il quarto e quinto giorno di regate saremo primi. Ma il mantenere il primo posto non è stato facile, bastava sbagliare una regata per perdere posizioni. I padroni di casa e i norvegesi erano molto bravi, la sfida era sempre aperta.

Dopo quindici regate ero davvero stanca, anche per la concentrazione da mantenere per tutti quei giorni.

L'equipaggio in barca. Intorno a loro l'acqua del lago.

In barca ci siamo divertiti tanto, c'era sintonia e armonia,

Dalla barca, lequipaggio con alle spalle uno stupendo lago circondato da rive rocciose.

peccato sia finita, dopo un giorno di riposo avrei ricominciato tutto da capo.

Scesi a terra ci aspetta il presidente Alessandro Gaoso con bottiglia di champagne per i festeggiamenti. Alla sera premiazioni di chiusura e ancora festeggiamenti. Arrivati a casa, abbiamo continuato!

Davvero l'emozione è stata tanta, ma che bella avventura, peccato ci fosse solo un equipaggio italiano, fra quattro anni sarà in Giappone, si vedrà.

Ma il successo è stato anche politico visto che nelle prossime edizioni ci sarà anche la sfida col nostro metodo Homerus a matc race con boe sonore!

Ringrazio ancora il mio equipaggio che ha voluto giocarsi la vittoria portandosi appresso una femminuccia anche un po' scarsa.

Elisabetta Bardella

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS