Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747780
Visitatori di oggi 23/10/2017 : 2

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook


Smile

Attenti a quei due!


Locandina Dell'Iniziativa "Nuove Frontiere"

Anch'io non volevo crederci! Eppure sono proprio loro e la prova fotografica li inchioda in maniera inconfutabile ad un destino di un futuro prossimo da brillanti sportivi Ricordate quella fortunata serie televisiva che aveva come protagonista Roger Moore e Tony Curtis: "Attenti a quei due..."

Claudio e francesco in mezzo alla strada alla maratonina!

Mi scusino gli appassionati lettori se, come il più pessimo dei giallisti, ho cominciato subito con l'indicare i colpevoli ed il colpo di scena della "Nuove Frontiere, mini maratona per disabili", ma l'occasione era troppo ghiotta per farsela sfuggire con il rischio che qualcuno annoiato dalla mia scrittura avesse potuto abbandonare il pezzo dopo le prime righe. Giocato così immediatamente il jolly, possiamo ricominciare dall'inizio...

La registrazione

Iniziamo subito con una delazione: se incontrando il Presidente del GSD Non Vedenti Milano onlus, costui si pavoneggiasse di una brillante partecipazione alla Mini Maratona "Nuove Frontiere" organizzata dal mitico Fabio Pasinetti e dalla ancor più mitica Carla Perrotti, sventolando altresì il pettorale della manifestazione, non credetegli, mente sapendo di mentire, il pettorale ed i vari gadgets offerti dall'organizzazione glieli abbiamo portati noi, lui non c'era, prova ne sia il fatto che è stato iscritto con dati anagrafici campati per aria. La Michelina infatti alla dicitura "segni particolari" credo abbia fatto scrivere "bellissimo!"

E figuratevi la faccia dell'addetta alle iscrizioni quando sulla scheda del Leo, sempre alla voce "segni particolari" abbiamo fatto scrivere "quattro zampe", trattandosi in effetti del cane guida di Monica. Non crediate poi che le nostre fossero le annotazioni più strane. C'erano infatti personaggi come Francesco Mondini a tre ruote (la sua HandByche), a due ruote (corridori in carrozzina), con due ruote e due gambe motrici (ricercatori di tutto il mondo stanno ancora cercando un accordo per la classificazione di una simile specie).

La partenza

Coro Seduto - Il Coro All'Iniziativa "Nuove Frontiere"

Il "Coro Seduto" da il via alla manifestazione e Mario Censabella scatta velocissimo in avanti defilandosi subito lungo una stradina secondaria, Rodolfo Masto, visibilmente preoccupato lo raggiunge anche con una certa fatica e gli dice che sta sbagliando strada, ma Mario imperturbabile ribatte: "Ma che strada sbagliata, voglio andare a casa a seguire il GP!"

Censabella e Masto, indossano i loro pettorali.

La corsa

E di cose strane ne succedono veramente parecchie: un gruppo di giovinotte bergamasche che cantando a squarcia gola "Oh mia bela madunina...", bloccano senza neanche accorgersene, un tram il cui autista prima alza gli occhi al cielo, poi scoprendo che si tratta di non vedenti accende la sintesi vocale che indica le fermate ed aspetta pazientemente di poter passare; shopers di via Dante che distratti dalla strana fauna dei maratoneti, finiscono a bocca aperta contro i famosissimi faletti di Milano: gli "svegliaciucci" da cui il nome...

Il finale

Come in tutte le favole che si rispettino il lieto fine è assicurato. Noi ci si ritrova al ristoro che si cerca di saccheggiare al meglio, insieme al Leo, sempre il quadrupede che rimane però a bocca asciutta, fino a quando una imprudente e dolcissima bambina lo avvicina per una carezza, con la mano destra mentre nella sinistra stringe una mela. Leo, il furbetto, occhieggia la pargola e non appena la mela è a portata di mano, se la mangia in un sol boccone! La mela dico, risparmiando così la piccola che torna piangendo dai genitori che si sentono dire che un cerbero a quattro teste le ha mangiato la mela.

Leo quel bel furbino, a mangiato la mela ad un bambino, ed ora, tutto bello appagato, mette in mostra il suo enorme palato!

Ringraziamenti

Grazie a Fabio e Carla, che hanno saputo portare in questa Milano a volte un po' troppo desertica i suoni ed i colori di un manipolo di persone che qualcuno si ostina a chiamare ancora "disabili".

Claudio Levantini

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS