Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747777
Visitatori di oggi 20/10/2017 : 1

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook


Alberto Ceriani conquista il titolo europeo di Triathlon categoria disabili visivi


Volevamo comunicarvi che il nostro atleta Alberto Ceriani, e la sua guida Claudio Pellegri,hanno vinto i campionati europei di Triathlon categoria disabili visivi che si sono svolti lo scorso week-end a Lisbona.

Presto pubblicheremo un breve resoconto con foto. Tanti e tanti complimenti per questa splendida impresa sportiva.

Di seguito, dopo la firma, il comunicato apparso sul sito della Federazione Italiana di Triathlon.

üCielo coperto con qualche scroscio di pioggia, vento e temperatura autunnale hanno fatto da cornice, domenica 11 maggio, alla mattinata di gara degli Age Group ai Campionati Europei di Lisbona 2008. Meno di un migliaio gli atleta al via provenienti da tutto il Continente, il via alle prime batterie è stato dato prima delle 8, con il nuoto disegnato nello stesso bacino che ha visto impegnati gli Elite il giorno prima.

Portoghesi e spagnoli presenti in massa, seguiti dai soliti inglesi, numerosi e competitivi sia come atleti che come spettatori, pronti a riscaldare con il loro tifo non solo i propri connazionali in gara. In generale gli stranieri hanno impressionato nella frazione ciclistica, mostrandosi più avvezzi a pedalare in gare no draft come sono da sempre i triathlon che assegnano titoli ITU per gli Age Group.

La carrellata sulle prove della nostra pattuglia comincia con Alberto Ceriani (Road Runner Club Milano), triatleta non vedente accompagnato dall'amico Claudio Pellegri, che ci porta il primo oro di giornata. Lo incontriamo subito dopo l'arco d'arrivo: "La gara è stata tutt'altro che facile, c'era molto vento e soprattutto in bici il percorso era impegnativo. Sono davvero contento del mio risultato".

In campo femminile, tre le azzurre che hanno portato a termine la prova, tutte quante del Torino3: Monica Supertino si è piazzata al 10° posto tra le Women 35-39, Margherita Bertoletti quinta tra le 50-54, mentre Jacqueline White, dopo il bronzo dell'anno scorso a Copenaghen, è salita di un gradino mettendosi al collo un bell'argento. Festeggiata dai suoi tre figli e da suo marito, Renato Bertrandi, anche lui in gara, Jackie, inglese di nascita, ma orgogliosamente italiana di adozione, sul podio ha "avvisato" la sua amica inglese che ha vinto l'oro: l'anno prossimo...

Tra i Men 30-34, l'ironman piemontese Alberto Pautassi (uno degli 8 portacolori del Torino3) è 29° con un crono di 2:19:09, autore di un nuoto da top ten; nella stessa categoria, la più numerosa insieme alla "35-39", 59° posto per il sardo della Mens Sana Triathlon Daniele Demartis, che si è invece messo in evidenza on una buona prova nella frazione ciclistica.

Nel successivo Age Group, Fabrizio Lancellotti (Surfing Shop Sport) è 21°, autore di una gara in rimonta, conclusa con un 37'36" negli ultimi 10 km che gli hanno permesso di fermare il cronometro su 2:17:56. Marco Zoccheddu, anche lui Mens Sana Triathlon, è invece 53°, 1'39" sotto il muro delle 2 ore e trenta. Il terzo di questo Age Group è risultato Fabrizio Saletti (Torino3) che termina la sua prova in 2:48:59, 80°

Anche nella categoria Men 40-44 sono tre gli azzurri che si sono laureati finisher. Il primo a passare sotto l'arco è stato Massimo Argiolas della Sardegna Karalis Sport, capace di pedalare i 40 km in 1:14:46. 2:36:19 il tempo del friulano dell'Olimpicaorle Luigi Fantuz che vince la sfida col suo "compagno d'Africa" Francesco Bertoli (entrambi hanno gareggiato a inizio marzo al triathlon di Hammamet) e mette dietro di 1' anche il "girasolato" veneto del Torrino Triathlon Team Giulio "slowone" Marchetto, a suo agio all'esordio in un Europeo. Il più veloce di tutta la pattuglia azzurra è risultato Danilo Palmucci (SS Lazio), categoria M45-49; il suo motore non gira al meglio col freddo, ma il nostro campione è stato comunque artefice di una performance che l'ha portato all'ottavo posto con un tempo di 2:15:52. Al 49° posto ha chiuso Bertoli (Triathlon Cremona Stradivari), in gara sempre grintoso e determinato.

Men 55-59 con altri 3 piazzati azzurri: nella top ten Renato Bertrandi, Presidente del Torino3, ma soprattutto, in questo caso più che mai, marito della bravissima Jacqueline White. Manrico Colla del Surfing Shop Sport è arrivato 4'45" dopo, chiudendo al 12° posto; infine, menzione speciale per Giorgio Chiampo, 15°, che è stato più forte della sfortuna e ha gareggiato e concluso il suo triathlon nonostante all'arrivo a Lisbona un incidente gli abbia precluso la possibilità di utilizzare la sua bicicletta.

Alberto e Claudio impegnati a mordere la strada con il loro tandem!

Tra i Men 60-64, un altro ottavo posto per uno dei sempre presenti (e medagliati) in maglia azzurra, Giorgio Alemanni, a Lisbona con sua moglie e un nutrito gruppo di fan: "Il podio? E' sempre un terno a lotto prevedere chi parteciperà, quest'anno si sono presentati degli atleti molto forti, soprattutto in bici, io stavo bene ma non c'è stato nulla da fare". Un altro lombardo, Alberto Bertola del Molinari Triathlon Team, si è piazzato 15°.

Concludiamo la nostra carrellata così come abbiamo cominciato, ovvero con un altro oro: a conquistarlo è stato, nella categoria Men 70-74, Francesco Fiori, già avvezzo a questo tipo di risultati dato che sia in campo continentale che mondiale è salito più volte sul podio; l'alfiere del Verona Triathlon, triatleta e maratoneta con personale di 2:40', ha chiuso il triathlon olimpico Europeo nel tempo di 2:44:29, sorridente e soddisfatto della sua prova, facendo segnare i migliori parziali in tutte e tre le frazioni.

Alberto e Claudio indossano con onore la maglietta azzurra con la scritta bianca ITA.

Non sono purtroppo riusciti a partire, anche se presenti a Lisbona, Alvise Cattaruzzi, caduto in bici nella prova di triathlon sprint di Andora la settimana precedente, e i due compagni di squadra del Triathlon Cremona Stradivari Marco Zoppi e Renato Verona, entrambi fermati da una fastidiosa influenza.

Davvero positiva l'esperienza di "Casa Italia" per gli Age Group, grazie agli sforzi profusi da Marco Mazzi e dal suo staff della Tre Emme Viaggi ; in particolare, è stato apprezzato dagli atleti il servizio di massaggi offerto grazie alla disponibilità del fisioterapista Marco Costantini

Indice articoli del 2008

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS