Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747780
Visitatori di oggi 23/10/2017 : 2

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook


Ciaspole!

Della serie... come fanno i pinguini a correre?


Ma come fanno i pinguini a correre? Meno male che non ci sono orsi bianchi sopra Moggio, altrimenti ...

Sì perchè noi, con le ciaspole ai piedi, facciamo la figura dei pinguini, ma non abbiamo certo la loro agilità!

Ci hanno portato qui Giovanna e suo fratello Mauro, che evidentemente volevano disfarsi di un po' di orbi perdendoli nella nebbia.... ma gli è anche andata male perchè le nuvole basse sono diventate nuvole alte e poi è diventato un sole stupefacente da abbronzatura in bikini!

Fermi tutti, ricominciamo! Questi i fatti: Giovanna dice: "Andiamo a ciaspolare?" noi diciamo: "Va bene, perchè mai dovremmo dire di no?"

Così si aspetta fino al giorno prima per sapere dove, il meteo la fa da padrone in montagna, poi si carica tutti sul pulmino e il grande Attilio ci porta alla funivia. Avete tutti le ciaspole? Adesso sì, dopo che Mauro ha finito la distribuzione e lui e gli altri angeli custodi, Giorgio e MT, hanno aiutato l'orda di imbranati a regolarle... Magari per salire in funivia le togliamo, eh?

Appena scesi dalla cabinovia, i nostri angeli cstodi ci aiutano a mettere le ciaspole... un gruppetto e gia' pronto... mentre l'altro e' ancora in fase preparatoria!

Eccoci all'inizio della passeggiata! Anche chi ha gli strumenti tecnici per vedere non se la cava molto, bianco, bianco... nuvole basse e neve dappertutto... Bravo Mauro che si è portato il GPS, male che vada alla funivia ci torniamo! "Hai portato anche la fiaschetta del rum? " Ah no, quello era Bernardo.

All'inizio della passeggiata incontriamo una casetta tutta sommersa nella suggestiva nebbiolina che ci accompagnera' fino a quando il sole non decidera' di farla da padrone!

In fila e avanti!Ecco che cominciamo a pinguinare, ecco che cominciamo a capire che l'attrezzatura giusta è vitale, ricordatevi le scarpe adatte la prossima volta!

Ecco che ci chiediamo come fanno i pinguini a correre... gambe larghe e piedi un po' ingombranti... guarda, Diego lo ha scoperto, almeno ha sorpassato sulla sinistra!

La fila più o meno sparsa si snoda lungo i pratoni, arranca arranca! dai che bello! una volta preso il ritmo e una volta che le ciaspole non si slacciano più diventa proprio divertente!

Tutti in fila si serpeggia arrampicandosi sui pendii tutti imbiancati di neve e di nebbia!

Se fosse un po' meno pendente... Ma ecco che le nuvole si sfrangiano, ecco che timidi raggi di sole si affacciano tra le garze ovattate... Maial che calor! Brava Elisa che ha portato la crema, qui è da ustione! C'è anche chi ha il fiato di fare lo spiritoso, c'è qualcuno che ha giusto fiato per proseguire...

Strana sensazione questi piedoni che si appoggiano sulla neve più o meno fresca, che più o meno affondano, che si attaccano al terreno scosceso e si adattano alle asperità... Loro!

Non c'è sterrato che tenga, non c'è pendio che tenga, si può andare dappertutto! O meglio, si deve andare dappertutto!

Così il gruppetto si sgrana, si sdoppia, qualcuno sceglie le salitone qualcuno le scorciatoie, poi ci si ritrova, si salutano altri passeggiatori arrancanti, ci si ricompatta... E si arriva al rifugio!

Il sole ormai ha dissipato la nebbia, il cielo e' azzurro e terso, fa un caldo impressionante... almeno... arrancando... Ed in lontananza, come un miraggio, piccolo, lassu' sul monte, compare un rifugio!

Ma quanta gente c'è già? Non pensavamo che ci fossero così tanti ciaspolatori al mondo, ma qui, dopo che hanno chiuso i campi da sci, sono rimasti questi bellissimi pratoni che quando si riempiono di neve sono uno spettacolo di dune e di fosse, e per fortuna non tutti vogliono salire con quelle cavolo di motoslitte che ci sfrecciano vicino appuzzolendo l'aria e rompendo... il silenzio!

Che bel sole! che panche accoglienti!... Proseguire? Dove? Cosa? "C'è un'altra bella cresta da raggiungere... Un po' di salita..." "Un po' quanto"?"

Un paio decidono che un'altra oretta di salita magari non è proprio attraente... Guarda un po', si può stare seduti sulle panche, c'è il sole, il caffè del termos, un panino giusto per aspettare il pranzo quando tornano gli altri... Infatti il grosso del gruppo va a conquistare la vetta più alta!

Eccoli di ritorno, dopo più di un'ora... che faccine stanche! Ma hanno sofferto di più loro su e giù per le creste o i coccolini che hanno aspettato fuori dal rifugio, annusando profumi accattivanti senza cedere alla tentazione di cominciare?

Manca solo il pranzo: riusciamo a far assaggiare i pizzoccheri all'amico Roland importato per l'occasione dalla Germania da Martina, poi è ora di correre verso la funivia prima che chiuda!

Ultimi bagni di sole e di neve, ultimi passi da pinguino, cerchiamo di fare presto a levare l'equipaggiamento se no la cabina se ne va senza di noi! Rieccoci quasi al piano, abbiamo ripreso a camminare come esseri umani, ci dispiace pure un po'.

Bè, intanto questa era la prima avventura del genere per alcuni di noi, e siamo sopravvissuti... Quindi possiamo cominciare a organizzare la prossima!

Angela Bellarte

Indice articoli del 2008

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS