Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747813
Visitatori di oggi 21/11/2017 : 0

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook

Eton

Mondiali Di Canottaggio


Dal 20 al 27 agosto ad Eton - Gran Bretagna

Quest'anno ho partecipato al mio terzo mondiale e tra poco ve ne darò il resoconto, prima però voglio informarvi delle altre novità che riguardano la nostra categoria.

C'eravamo fermati al primo campionato italiano svoltosi a Gavirate, e ricordate che i partecipanti erano notevolmente aumentati, tanto che è stato necessario fare le selezioni per l'equipaggio della barca che avrebbe partecipato al mondiale a EtonInghilterra 2006. Quindi a Luglio abbiamo avuto la selezione con il relativo ritiro per gli allenamenti della barca mondialista.

I componenti di questa barca sono risultati: AlessandroFranzetti, timoniere,Graziana Saccocci, Paola Protopapa, Vittorio Bolis e Gaetano Marchetto.

Durante il ritiro precedente la partenza, che è avvenuta il 21 agosto, abbiamo visto abbassare notevolmente i nostri precedenti tempi di gara, tanto da poter auspicare l'entrata in finale. Questo il nostro obbiettivo.

Inostri avversari:

  • Inghilterra
  • Olanda
  • Canada
  • Stati Uniti
  • Australia
  • Hong Kong
  • Croazia
  • Brasile
  • Portogallo

Sapevamo che , per la prima volta, parimenti alle altre categorie, avremmo dovuto superare le batterie e i recuperi,per entrare in finale. Le batterie, composte da cinque nazioni l'una, hanno visto vincitrici Inghilterra e Canada che sono passate in finale di diritto. Noi abbiamo passato il turno arrivando terzi, dietro Inghilterra e Canada, che erano nella nostra batteria . Ai recuperi, siamo stati sorteggiati insieme a Stati Uniti Hong Kong e Croazia.
In questo frangente Italia e Stati Uniti si sono dati battaglia, abbiamo vinto noi con una barca e qualckosa di vantaggio, e siamo entrati in finale.

Il giorno della finale, Eolo al quale mi ero raccomandata con doni e sacrifizi vari, si è infuriato, non che nei giorni precedenti fosse stato magnanimo..., ma cosìha deciso.

Le finali di tutte le categorie sono state disputate con tempo pessimo. alla nostrapartenza hanno impiegato un tempo interminabile per allinearci , la prima partenza è stata stoppata perchè, a causa del vento, l'Inghilterra invadendo la nostra corsia ci avrebbe speronato.

L'allineamento della seconda partenza è stato più veloce ma non meno snervante. Potevamo aspirare ad un buon posto, ma, abbiamo giocato male.

Ordine di arrivo:

  1. Inghilterra
  2. Olanda
  3. Canada
  4. Stati Uniti
  5. Australia
  6. Italia

Con noi, ovviamente C'erano anche il singolo maschile Simone Mirabella che hadovuto combattere contro nove nazioni, è entrato in finale, arrivando sesto. Il singolo femminile, Agnese Moro, che è entrata in finale ed è arrivata quinta su nove avversari.

Il doppio formato da Valeria Corazzin e Ennio Biliato che non è riuscito ad entrare in finale, loro,hanno gareggiato contro undici nazioni. Quest'anno, come il precedente, il presidente,e tutta la dirigenza, ha voluto inorgoglirci con la cerimonia della consegna dei body.

E' un momento che, io e i miei compagni, sentiamo molto.

Il prossimo anno il mondiale sarà disputato a Monaco di Baviera, Germania. Se riuscirò a superare le selezioni ci sarò anche io, il tempo e il duro lavoro sarà testimone.

da Graziana.

Indice articoli del 2006

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS