Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747780
Visitatori di oggi 23/10/2017 : 2

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook

Il centro perfetto è dentro di noi

Roma, 25/03/2007

Nella prima settimana del Settembre scorso mia moglie e io siamo stati in vacanza in un villaggio turistico del Touring Club Italiano: non lo sapevamo prima ma abbiamo avuto modo di apprezzare il fatto che il TCI ha stipulato un accordo con la FITArco che prevede la presenza di istruttori federali nei suoi villaggi.

Il primo giorno di vacanza, a pranzo, siamo capitati allo stesso tavolo di Armando, l'istruttore di tiro con l'arco di quella settimana, che, fra una leccornia e l'altra, ha cominciato a parlarci della sua attività e ci ha chiesto se fossimo interessati a "tirare tre frecce di prova".

Interdetto anche perché certo che la circostanza non gli sfuggisse, gli ho fatto notare di essere cieco e lui, senza minimamente scomporsi, mi ha risposto che la vista serve solo a mirare: "ma il tiro con l'arco - ha aggiunto - non si esaurisce nel colpire il centro del paglione!".

Ancora un po' perplesso ma sufficientemente incuriosito, ho accettato di provare e qualche ora dopo mi sono ritrovato con un arco in mano. Armando, con sensibilità ed empatia del tutto naturali e fuori dal comune, ha accompagnato la mia mano all'esplorazione di ognuna delle parti che compongono l'arco e me ne ha descritto struttura e funzione; allo stesso modo mi ha mostrato la freccia e mi ha spiegato l'interazione fra questa e l'arco. Abbiamo posato momentaneamente il tutto e, prendendomi sotto braccio, mi ha fatto misurare a passi in lungo e in largo il campo di tiro fino a "presentarmi" i paglioni.

Tornati a riprendere gli attrezzi per la prova, era chiaro a entrambi che io avrei seguito un regolare corso settimanale di tiro con l'arco: dopo le prime tre frecce - che hanno convinto anche mia moglie a partecipare al corso - ne abbiamo scoccate molte altre e la sapiente guida di Armando ci ha consentito di apprendere la teoria e la pratica di uno sport del quale, lo confermo, la mira è solo una parte.

Il nostro Maestro si è ingegnato per insegnarmi ognuna delle fasi del tiro, dal corretto posizionamento sulla linea di tiro (operazione che dal secondo giorno ho potuto compiere in piena autonomia), alla gestione in sicurezza degli attrezzi, dai precisi movimenti e posizione all'utilizzo più efficace di tutta la muscolatura.

Trovo utile sottolineare che il tiro con l'arco è risultato per me particolarmente efficace per migliorare la mia propriocezione: essendo cieco dalla nascita e non avendo potuto apprendere la disposizione delle singole parti del corpo per via imitativa - come fanno i bambini normodotati - ho imparato, attraverso questo sport, a sentire e a controllare molti muscoli e così ho potuto correggere alcuni errori di postura che ancora mi portavo dietro.

Affinata sufficientemente la tecnica, negli ultimi giorni del corso Armando si è trasformato nel mio "mirino tattile" disponendo il proprio corpo in modo tale che, trovando io col dorso della mano dell'arco in tensione la punta del suo dito, ero sicuro di stare indirizzando la punta della freccia verso il centro del bersaglio.

Abbiamo così potuto fotografare e festeggiare il mio primo 10!

Antonio

Per tutte le informazioni, rivolgersi al nostro incaricato di settore.

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS