Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747811
Visitatori di oggi 18/11/2017 : 0

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook


Presentazione dell'opuscolo


Offrite anche a noi ciechi la possibilità di praticare sport!Perchè anche i ciechi vogliono praticare sport!

Il presente opuscolo è stato ideato e realizzato per essere utilizzato quale strumento di informazione e di sensibilizzazione. Si raccomanda, pertanto, una sua ampia diffusione a tutti i livelli (scuole, associazioni, enti) e si auspica che possa servire da sprone e che possa rivelarsi motivo di riflessione per operatori, non vedenti e loro familiari.

Vuole essere un contributo alle molteplici iniziative intraprese dall'Unione Italiana Ciechi nazionale e, in particolare, dalla sezione provinciale di milano, intese a diffondere una reale immagine del "cieco" ancora oggi non sufficientemente conosciuta e, comunque, troppo spesso oggetto di stereotipi e di pregiudizi.

L'idea di compiere questo piccolo lavoro si prefigge anche un altro obiettivo, forse ancora più ambizioso: le foto e gli scritti riportati nelle pagine che seguono non vogliono comunicare una volontà di farci conoscere, di dar prova delle nostre abilità, di dar spettacolo... Noi ciechi non abbiamo smanie di protagonismo a tutti i costi! Intendiamo molto semplicemente far sapere e ricordare che non esistono uomini con la "u" minuscola e Uomini con la U maiuscola: noi ci sentiamo e vogliamo essere considerati individui, ognuno con la propria specificità (bagaglio di esperienza, di cultura) ma in ognuno, intelligente o stolto, colto o ignorante, simpatico o antipatico che sia, deve essere visto un uomo inteso nella sua unica accezione. In quanto uomini, dunque, chiediamo quello che da sempre l'unione Italiana Ciechi rivendica: il diritto allo studio, al lavoro, a vivere una vita dignitosa ma anche, aggiungiamo, il Sacro Santo Diritto di praticare sport.

I ragazzi ciechi non devono essere stimolati o indotti a richiedere l'esonero dall'ora di educazione fisica! Questo è un gravissimo gesto di irresponsabilità e di "ignoranza". Gli insegnanti hanno l'obbligo, almeno morale, di coinvolgere anche il non vedente presente nella classe, hanno l'obbligo di acquisire quei piccoli ma utili accorgimenti che consentano all'alunno di fare ginnastica, atletica, nuoto, di partecipare attivamente alla vita di classe, tutte attività indispensabili per affrontare con dignità, serenità e consapevolezza un futuro certamente pieno di insidie e di trabocchetti.

Vogliamo far sapere che il cieco, se adeguatamente seguito e preparato, come qualsiasi altro, può arrivare a fare una maratona, salto in alto, salto dal trampolino con gli sci d'acqua, sci da discesa, sci d'alpinismo, può scalare una montagna contrariamente a quanti non lo credono neppure capace di salire in autonomia una semplice scala. E' fondamentale che le associazioni e gli enti agevolino in tutti i sensi l'accesso dei ciechi agli impianti sportivi, comunali e non, e incentivino l'organizzazione di gare agonistiche e di manifestazioni dimostrative.

Una fondamentale regola di vita ci insegna che soltanto attraverso il confronto con il prossimo è possibile superare se stessi, soltanto se messi costantemente alla prova è possibile acquisire la propria autonomia e soltanto con la consapevolezza dei propri limiti ma con la sicurezza delle proprie capacità anche il cieco può condurre una vita certamente migliore e dignitosa. Soltanto allora, misurarsi con gli altri, misurarsi con la vita sarà più facile! Soltanto allora, anche il cieco potrà dare oltre che ricevere! Ma soltanto allora, anche quando riceverà, non si sentirà più umiliato perchè conscio della propria disabilità.

Franco Lisi

Torna indietro

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS