Questo sito fa uso di alcuni cookies per consentire una navigazione utente più agevole. Per maggiori informazioni consulta l'informativa completa.
Continuando la navigazione nessun cookie sarà installato sul browser dell'utente, tuttavia questo banner rimarrà visibile.
Acconsentendo all'utilizzo dei cookies, il banner informativo verrà chiuso. Sarà sempre possibile negare il consenso in futuro visitando la pagina informativa sui cookies.

Logo del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS. Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS
Via Vivaio 7 - 20122 - Milano
Tel/Fax 02 76004839; Email: info@gsdnonvedentimilano.org; IBAN: IT 57 R 03359 01600 100000004341 - Banca Prossima
Menù Principale

Ricevi le news del Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS Via Feed RSS!


 
  Ricerca avanzata

Visitatori dal 17/12/2008: 1747777
Visitatori di oggi 20/10/2017 : 1

Il nostro GSD Su YouTube

il nostro GSD su Facebook


Atletica


Gli atleti ipovedenti o ciechi possono fare tutto ciò che è nell’ambito dell’atletica leggera, quindi corse, salti e lanci.

Le discipline sono le stesse di quelle per i normodotati, stesse distanze e uguali misure per gli attrezzi dei lanci. L’unica differenza è che esiste la figura della “guida”, ossia un atleta normodotato che corre a fianco dell’atleta con disabilità visiva, con il solo ed esclusivamente scopo di indirizzarlo ed avere un riferimento lineare.

Il supporto della “guida” è obbligatorio per le persone cieche mentre gli ipovedenti possono scegliere se utilizzarla o meno.

Per quanto riguarda i salti e i lanci invece, l’atleta con la disabilità visiva viene posto nelle pedane di riferimento e può essere supportato da una guida o da un tecnico effettuando il gesto richiesto attraverso chiamata o battiti di mani, con il tecnico o l’atleta guida di fronte viene indirizzato attraverso la voce.

Le difficoltà che si incontrano nella disabilità visiva spesso sono dovute ai cambiamenti di luminosità, specialmente negli atleti ipovedenti. Avendo un piccolo barlume di luce si affidano a questa luce e spesso i cambiamenti di luminosità quale ombra sole, sole ombra, li portano a non focalizzare più le righe e quindi andare fuori assetto o addirittura fuori linearità, quindi essere soggetto a squalifica; mentre, affiancati da un atleta guida riescono a seguire una linea ben logica e quindi a completare la gara in una forma più degna.

L’allenamento insieme alla propria guida è fondamentale perchè ci vuole una sincronia nei gesti per far si che l’atleta si senta proprio libero nell’esprimere il proprio gesto; per questo c’è bisogno che un atleta top level si alleni tutto l’anno insieme alla propria guida. L’atleta e la guida spesso crescono insieme e su quello si creano delle basi forti.

Articolo di presentazione scritto da
Michela dei Cas
02/10/2012

E noi, proprio noi, non solo vediamo il mondo, ma lo guardiamo dai campi di sci sulle montagne più alte, dalle barche a vela su laghi e mari profondi, dai rettangoli di equitazione, dai diamanti di baseball e dai poligoni di tiro con l'arco, dalle piste di pattinaggio e dai circuiti di atletica, e ancora non abbiamo finito!
Non ci servono occhiali per vedere questo mondo meraviglioso, lo vediamo attraverso lo sport!

Per segnalare problemi, suggerimenti, commenti contatta il WebMaster!
Copyright © 2000 - 2017 - Gruppo Sportivo Dilettantistico Non Vedenti Milano ONLUS